Serradifalco, Domenico LoFaso Pietrasanta di
Le antichità della Sicilia (Band 5): Antichità di Catana — Palermo, 1842

Page: 95
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/serradifalco1842bd5/0098
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
(6) Diod. XVI, e. 68. — Fiutar, in Timol.
pag. 240.

(7) Diod. lib. XVI, cap. 72.

(8) Diod. lib. XIX, e. 71.

(9) Diod. lib. XIX, e. 116.

(io) Diod. XX, e. 90.

(n) Diod. in Eclog. ex lib. XXII, § 2, 7,
14.. — Epit. Tit. Liv. lib. XIV. — Plutarc. in
Pyr. pag. 3g8-

(12) Polyb. lib. I, e. io, 11 e 12.—Diod.
in Eclog. ex lib. XXII, § 2 e 4.

(i3) Athen. Dcìpnosoph. V, e. io.

(9M

(i4) Cicer. in Verr. V, e. 19.
(i5) Strab. lib. VI, p. 4n.

(16) Sicil. Vei. Inscr. class. VIII, n.° 6
e 7.

Da un'altra iscrizione poi al n.° IX della me-
desima classe, pag. 108, ricavasi die in Tau-
romenio celebravansi benanche i giuochi Pizii.
D'altronde non poche medaglie tauromcnitaue
che portan la testa d'Apollo e il tripode, sicco-
me quelle che riportiamo al n.° i° e 5° del
fregio alla pagina 3i, e che l'Eckhel con sano
giudizio riferisce al culto di Apollo Pizio, non
lascian luogo a dubitare che questa divinità
fosse da' Tauromen'i molto riverita.

(17) Tom. X, pag. 65.

on
loading ...