Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 131
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0139
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0139
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ύ Α a ι Ε i

AL MEDESIMO

A S I E N A,

Potzdam 17. dicemhre 1747°

Quante grazie ncm debbo io renderîe
deiia gentilissima îettera sua, e deila can·»
tata che mi lia trasmessa? EÎIa è veramem*
te maravigiiosa > e anche questa età ha le
sue Yittorie Golonna , e le sue Gambara *
ma in una condizione molto più eîevata ,
e quel che è più mirabiie, fuori d’Italia „
lo roi rallegro con lei ; che puô far corte
a tanta principessa. E quando vedrem noi
le cose sue ! Mi par miii'anni ch’ella I©
dia fuori. A S. E. il sig. co; di Wacker-
bart i miei umilissimi rispetti, come ancho
a monsignor Nunzio, ii quale avrà a quest”
ora ricevuto risposta, e ayrà insieme inte-
so i motivi della mia dilazione . Ella con^
tinui ad amarrni, sig. abate mio gentilissi*
ino ; e creda , che niuno al mondo la stG
ma ed araa più di me »

1 sk
loading ...