Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 346
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0356
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0356
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
345 S A G G I o

raggianti d! oro (1), come già se ne avean
vedute di passaggio le immagini nella que-
stura; ricercando Cesare a poco a poco gli
animi, e secondo il successo de’primi tem
tativi crescendo d’ ardire ; a guisa di nuo-
tatore, che si prova in picciol fondo d’
acqua prima d’avventurarsi negli abissi del
mare ; oppur di musico, il quale prima
che chiara

Altamente la lingua al canto snodi,

All’ armonia gli animi altrui prepara
Con dolci ricercate in bassi modi (2).

Erasi questo dispiegare il vessillo della
discordia, evocar, per cosi dire, l’ombra
di Mario, caricar d’ infainia il nome di
Silla, ergere un monumento alle speranze
del popolo e all’ onta degli ottiinati. Tut-
te le pratiche e tutte le aringhe, che far
poteva o 1’ artifizio o 1’ eloquenza di Cesa-
re, non sarebbero state tanto valevoli a
risvegliar l’odio dei popolo, e ad insiam-
mar le parti, quanto l’avere innalzato quat-
tro sassi, che ponevan sotto gli occhi la

gloria

(1) Plut. in Cæsare.

(2) Gerus. Liber. canto 16, stanz. 42°
loading ...