Archivio storico dell'arte — 5.1892

Seite: 98
DOI Heft: 10.11588/diglit.18091.13
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18091.15
DOI Seite: 10.11588/diglit.18091#0131
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0131
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
98 PAUL KRIST ELLER

-A------

Egualmente gli esemplari del Trapezuntius (1472?), che si conservano nella Corsiniana e
nella Casanatense, non mostrano le incisioni descritte dal duca di Rivoli.1

Dall'altra parte posso aggiungere alcuni libri di questo tempo con xilografie:

Petrarca, Canzoniere. 1470, Christophorus et Yendelinus de Spira, in-4°; Hain. 12752. —
L'esemplare della biblioteca Yittorio Emanuele a Roma (70. 3. C. 26) ha adornata la prima pagina
del Canzoniere con due incisioni. Il margine inferiore mostra due sirene, femmine con corpo di
pesce: quella a sinistra tiene una cornucopia, quella a destra uno stendardo (alta millimetri 49,
larga 185). Il margine supcriore (molto tagliato) esibisce un ornamento composto di nastri intrec-
ciati (largo millimetri 140).

Gli esemplari della Corsiniana e della Barberiniana non sono ornati di incisioni.

Petrarca, Canzoniere. 1473, Venetiis (senza nome di stampatore); in-fol.; Hain. 12757.
Biblioteca Corsiniana (51. C. 3). — Pregio di sotto (37/121) e fregio a destra (255/17). Orna-
menti di rami intrecciati, di foglie e fiori. Iniziale V.

SvETONirs. 1471, Nicolaus Jenson, in-4° ; Hain. 15117*. Biblioteca Casanatense (Incun.
n. 246). — Sul primo foglio, margine inferiore (40/150): due putti alati sonanti il corno ten-
gono uno scudo; i loro movimenti non sono simmetrici; due rami si stendono di sotto in su e
finiscono con dei fiori; due cani si redono di sotto e due uccelli di sopra. Margine esterno
(137/27): ornamento di rami intrecciati sorgente da un vaso, con due uccelli e due pavoni orna-
mentali (117 millimetri); di sopra una parte della stessa tavola di 80 millimetri. Iniziali stam-
pate. L'incisione è di un diseguo molto elegante e fino, mentre che l'esecuzione tecnica è abba-
stanza grossolana ed inabile ; l'impressione è- difettosa.

Eusebius, Di' evangelica praeparatione. 1470, Nicolaus Jenson, in-fol.; Hain. 6699 Biblio-
teca Vaticana (Incun. n. 30). — Cornice composta dalla incisione del Plihius li(>'-> (.lo. de Spira)
che forma il margine inferiore, (vedi la riproduzione, p. 97), da quella trovata dal duca di
Rivoli nel Cicero Officia 1472 (Vendei, de Spira), che occupa il margine esterno (la tavola ha
30/230); per riempire tutta l'altezza si è stampata un'altra volta disopra una parte della tavola
(alta 68 millimetri); i margini interno e superiore sono adornati da fregi di rami intrecciati con
foglie.

YlRGiLirs, 1472. Opera. Nic. Jenson? in-fol.; Biblioteca Barberiniana (AAA, II, 7). —
Cornice sul foglio 21 verso, composta da impressioni delle stesse tavole adoperate per VEusebius
del 1470.

L'esemplare difettoso della Corsiniana mostra soltanto sul margine interno la listella (215/17),
che adorna il margine interno e superiore del primo volume del Livio lì7(1 della Corsiniana.

Tutti questi riquadri di libri che ho potuto vedere nelle biblioteche di Roma, ad eccezione
del Petrarca, sono miniati nella stessa maniera. Il fondo è azzurro con gruppi di tre punti
bianchi; i campi simmetrici sono distinti di rosso, verde ed argento. Piccoli tratti sono aggiunti
colla penna, là dove i legni non bastavano a compiere il contorno in lungo e in largo della
parte stampata, così che a mezzo del disegno, del colore e degli orli di argento o d'oro e
di colore, che attorniano il tutto, le parti stampate formano insieme una sola incorniciatura
completa.

Da questi appunti possiamo dedurre i seguenti fatti importanti :

Le incisioni non si trovano in tutti gli esemplari della stessa edizione del libro, ma soltanto
in pochissimi di essi.

Le stesse tavole di legno sono adoperate nello stesso tempo per i libri di differenti stam-
patori.

Le incisioni non sono stampate contemporaneamente coi tipi del libro, ma aggiunte dopo.

Oli stampatori da pei' sè dunque non hanno niente da fare con queste incisioni.

Le medesime tavole si trovano stampate diverse volte sulla stessa pagina, ciò che dimostra

' Suppongo che gli esemplari di questi due libri descritti dal duca di Rivoli siano gli stessi (della lì ibi.
Nazionale) visti dal conte Delaborde.
loading ...