Archivio storico dell'arte — 6.1893

Seite: 15
DOI Heft: 10.11588/diglit.18092.3
DOI Artikel: 10.11588/diglit.18092.4
DOI Seite: 10.11588/diglit.18092#0049
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1893/0049
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
IL MUSEO NAZIONALE DI FIRENZE NEL TRIENNIO 1889-1891

15

considerazioni su oggetti che già da tempo esistevano nel Museo e che sono stati giudicati
variamente e attribuiti ad autori diversi.

Il Vasari nella vita di Donatello menziona una testa, ritratto della moglie di Cosimo il
Vecchio, Contessina de' Bardi, che si trovava al tempo suo nella guardaroba del duca Co-
simo, 1 e i commentatori aggiungono che è perduta: ora io credo di poter identificare
l'opera di Donatello col busto del Museo (fig. 11) conosciuto comunemente sotto il nome
di Annalena Malatesta e detto del Vecchietta. E una figura di vecchia dai lineamenti accen-

Fig. 13a - TESTA DI FANCIULLO, di Desiderio.

tuati e dall'aspetto piacente: gli occhi chiusi ci dimostrano che la faccia non è altro che
la riproduzione della maschera presa sul cadavere; ma le diverse parti del semplicissimo
abbigliamento e sopratutto il panno che le copre il capo sono disposti con gusto squi-
sito e incorniciano benissimo la faccia della vecchia matrona che sembra dormire placi-
damente.

Non ho trovato chi abbia messo fuori pel primo le due attribuzioni accennate di nome
e d'artista: colui non doveva certo avere occhio acuto, che potè dire del Vecchietta questo

1 Vasari, II, 416. « Fece il medesimo (Donatello)
la testa della moglie del detto Cosimo dei Modici, di

bronzo; la quale si serba nella guardaroba del signor
duca Cosimo ».
loading ...