Archivio storico dell'arte — 7.1894

Seite: 307
DOI Heft: 10.11588/diglit.19206.29
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19206.35
DOI Seite: 10.11588/diglit.19206#0350
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1894/0350
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
RECENSIONI

Books about Books edited by Alfred W. Pollard. Early
illustrateti Books, a history of the decoration and
illustration of books in the 15th and Kith centu-
ries, by Alfred W. Pollard. - - London, Kegan
Paul, Trench, Triibner & Co. Ltd., 1893.

E una delle migliori caratteristiche di molti
libri inglesi di essere, benché composti su fonda-
menti strettamente scientifici, ben lontani da qual-
siasi superficialità, scritti in modo da potere esser
letti ed intesi benissimo anche da lettori colti, i
quali non si sieno mai occupati del soggetto, ed
anche non ne abbiano mai sentito parlare.

Il volume, del quale mi piace di dare notizia
ai lettori dell'Archivio, appartiene a questo genere
di libri parte scientifici, parte popolari. Il grande
interesse, che sempre ha destato in Inghilterra lo
studio della bibliografia, di tutto ciò che si rife-
risce alla storia della fattura e dell'ornamentazione
artistica di libri, ha indotto la valente casa edi-
trice di Londra a pubblicare una serie di volumi
scritti da eruditi competenti della materia, i quali
trattano i differenti rami della bibliofilia. V è un
volume sui manoscritti (da Falconer Madan), un
altro sui più antichi libri stampati (da E. Gordon
Duff), sulla legatura (da Herbert P. Home), sui ce-
lebri raccoglitori di libri (da Charles e Mary Elton),
e sulle marche dei collettori (da W. J. Hardy).

Il volume che abbiamo soft'occhio, scritto da
Alfred W. Pollard, tratta gli antichi libri illustrati.
L'A. dà un riassunto delle origini e dello svolgi-
mento dell' illustrazione di libri nei differenti paesi
nel '400 e nel principio del '500. Incominciando
dall'uso della miniatura per i libri stampati nei

primi tempi della tipografia, egli segue lo sviluppo
della xilografia, in quanto fu adoperata per l'orna-
mentazione di libri, segnalando le particolarità ca-
ratteristiche delle illustrazioni di ognun paese, di
ognuna città. Delle sue ricche cognizioni della let-
teratura bibliografica e dei libri antichi stessi, i
quali può studiare come impiegato nel British Mu-
seum più d'ognun altro, l'A. tira prò per istruire
e per divertire nello stesso tempo i suoi lettori.
Egli sa bene di far capire l'importanza scientifica
del suo soggetto e di introdurre il lettore proprio
nel mezzo alla materia.

Non bisogna entrare nelle particolarità, trat-
tandosi d'un libro che non vuole svolgere altro che
idee generali. L'A. è riuscito quasi sempre a sce-
gliere bene tra la grande massa del materiale le
cose più importanti e più caratteristiche e di ap-
prezzare con intendimento e con gusto il loro valore
e di assegnarle il loro posto nello sviluppo storico.
Si può dire che chiunque studierà il libro del Pol-
lard non sarà più estraneo alla materia e avrà
preso di certo un vivo interesse al soggetto, sarà
istruito in un modo efficace e piacevole. E scritto
bene il libro ed altrettanto bene stampato ed illu-
strato. Le incisioni abbondanti che accompagnano
il testo sono scelte con intelligenza e con gusto,
sono molto istruttive anche in ciò che riproducono
non le xilografie sole, ma anche le pagine intere
che adornano, mostrando in questo modo bene la
cooperazione artistica del tipografo coli'illustra-
tore del libro.

P. K.
loading ...