Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 4.1883

Seite: 58
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1883/0064
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
58

ARCHEOLOGIA E BELLE ARTI

Aveva pur questo battistero la pila d'immersione nel
mezzo del poligono, ma nel 1588 il vescovo Luca Fiesco le
sostituiva T attuale in marmo con balaustrata su gradini di
rialzo.

Il monumento presenta le seguenti proporzioni. Lar-
ghezza del poligono interno limitata alle fronti degli archi
m. 8,10; sfondo del medesimo m. 1,75; altezza totale interna
m. 12,40; larghezza esterna del poligono inferiore m.13,65;
del superiore m. 9,20; altezza del primo piano dal suolo
m. 3,40; del secondo m. 10,50.

Questo edilìzio deve aver subito riparazioni fin dal 1491,
dappoiché questa data sta scritta sotto l'imposta della volta
unitamente allo stemma del vescovo Leonardo Marchese.

Al dire d'un cronista era pure all'esterno decorato con
dipinti da lui qualificati per grotteschi (?) con istemmi del
papa Innocenzo III, e di vari comuni, ma tutto andò sciu-
pato sotto al grossolano intonaco applicatovi nelle rico-
struzioni del tetto e restauro fattovi nel 1865.

Come fu agevole il descrivere questo monumento, così
pur lo fosse il determinarne l'epoca; ma sgraziatamente non
è così. La discordanza dei particolari che servono per in-
durne colle opinioni degli scrittori fondati sulle tradizioni,
ne rendono astruso il pronunziarne.

L'eccellente mio amico cav. prof. Rossi nelle sue Storie
di Albenga (ivi 1870) colla scorta di quelle vorrebbe at-
tribuire questo monumento al V secolo. L'Amoretti lo vor-
rebbe pure dei primi secoli fondandosi sui retro citati mu-
saici che egli qualifica per opera greca, perchè marmorei.

Pone il Rossi ad argomento delle sue induzioni che in
quell'epoca la chiesa di Albenga retta dall' arcivescovo di
Milano ne adottò coi riti anche l'istituzione e forma del bat-
tistero qualificandolo simile a quello ottagono fatto costrurre
da S. Ambrogio nella cattedrale lombarda. Ne inferisce anzi
loading ...