Archivio storico dell'arte — 5.1892

Page: 368
DOI issue: DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1892/0414
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
368

MISCELLANEA.

pei cataloghi d'oggetti d'arto extra musei e gallerie,
per gli soavi d'antichità, per l'esportazione di og-
getti antichi all'estero. Avrebbe infine la vigilanza
sulle raccolte provinciali, comunali e delle istituzioni
di beneficenza, eco. 11 progetto ci sembra concepito
con idee larghe e sicure.

Speriamo che sia approvato ed applicato con
serietà. Ce n'è tanto bisogno!

Registro delle riparazioni a dipinti, sculture,
mosaici, ecc.— Il Ministero della pubblica istru-
zione ha con recentissima circolare ordinato ai di-
rettori dei musei e delle gallerie del Regno e ai
direttori degli uffici regionali di tenere un registro
delle riparazioni eseguite sotto la loro vigilanza. Il
registro dovrà contenere tutte le indicazioni relative
al procedere delle riparazioni, ai metodi usati dal
riparatore, alle sostanze impiegate ed alla loro com-

posizione. Noi lodiamo questa disposizione ministe-
riale, perchè il registro metterà in chiaro se i proce-
dimenti del riparatore siano buoni o no, e impedirà
ohe il riparatore nasconda le sue ricette, i suoi se-
greti, il suo empirismo. 11 registro dirà agi'intel-
ligenti le cause del male, se malo fu prodotto dallo
operazioni del riparatore; e diverrà un documento
storico della più alta importanza sulle vicissitudini
di un'opera d'arte. Se questa disposizione fosse stata
presa molto tempo prima d'ora, sapremmo di molti in-
ganni tosi dai riparatori alla credulità degli >tu-
diosi. Il registro tenuto dai musaioisti che ripararono
il mosaico di Santa Pudenziana in Roma servì al
De Rossi per ricostruirlo nella sua forma antica.
Vero è che oggi, se i regolamenti governativi sono
osservati, non si può far più parola di inganni. Tut-
tavia è bene guardare entro alle cose, perchè non
ne avvenga all'insaputa dei direttori delle nostre
istituzioni artistiche e in onta ai regolamenti.
loading ...