Bayardi, Ottavio Antonio
Prodromo Delle Antichità d'Ercolano (Band 4) — Neapel, 1752 [Cicognara, 2649-4]

Page: 1561
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bayardi1752bd4/0005
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
I"

i5<*i


PARTE


Ono , o SIGNORE , alla quarta CXVII.
Parte di questo Prodromo , m'av- sì toma, * m?-
vicino ad Ercolano , ma non vi t\lTcL"\ d&
sono ancora. So che si borbot- si è Presa ml
componimento di

ta

ancora
SO Che mi 11 da debito d ei- questo Prodromo,
sermi di molto scostato dall' Ar-
gomento . Si dice , per quanto
m'immagino , che mi sono preso
T impaccio d' uno di que' buona
voglia 5 che navigano sulla Galera , oltre al
tempo della condanna . Siccome costoro per un
abito provenuto dalla necesfita si sono sormati
un mestiere > o per meglio dire , un genere di
vita della loro medesima pena, non sanno disto-
gliersene anche dopo di averne avuto 1' arbitrio ,
cosi io accostumato da molt'anni a pescare tutto
v,Vi nel torbido mare delle cose Storiche , e Cro-
nolc^ 'he, ò voluto tirare avanti il mestiere an-
che
loading ...