Ficoroni, Francesco de'
I Tali Ed Altri Strumenti Lusorj Degli Antichi Romani — Roma, 1734 [Cicognara, 1651]

Page: 55
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1734/0075
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
DEGLI ANTICHI ROMANI. 55

lio, e sarebbe lo stesso che Coo ; o si vuole nome
di tiro, e ii più felice tra tutti, e sarebbe lo stesso,
che Venere.

Ma prima di spiegar questa voce, e scendere
a’ nomi, che st danno a’ tiri de’ Tali, vediamone
il nume.ro., con cui st giuocava . Abbiamo in Cice-
rone i . de Divin.. Itane cverò qukquam. potejl effe ìta
casu saslurn, quod omnes, ìn fe habeat numeros iserka-
tis ? Ouatuor tali jabli casum Venereum ejskmnt} num
etiam centum Venereos, st quadringentos tahs jeceris,
casusuturos putas ? ed in Plauto sopra riferito, jacit
vulturios quatuor.. Furono dunque in.uso del giuoco
quattro tali per giuocatore, conforme dice anche Eu-
stazio : siebat lufus afiragalis quatuor., Può vederst
piu a basto il Rame, che riporto con una. medaglia,
in. cui sono scolpiti quattro Tali con epigrafe appar-
tenente ai giuoco. de’’ medestmi , ed una figura don-
nesca, che tiene dueTali. nella. mano sinistra, e due
ne butta. coila destra in. atto di giuocare., Al contra-
rio le testere non furono più che tre. Ricavasi da
Euripide, dove vedemmo gettar Achille ingiuoco
duos cubos, (j' quatuor, e vale a dire. dadi tre, chia-
mati da Ovidio. ancor numeri in simigliante espres-
stone di ternario. Et modo tres jafilet numeros. Per--
ciò disse Marziale, facendo parlare a’ dadi stestì y

TSLon fm taìorum numero par tejfera , àttm sit,

JSdajor qitàm talis.. aìea fiepè mihk

Ma sopra. tutto vien ciò insegnato, dallantico,
proverbio aut ter Jex, aut tres unitates \ e s’esprimeva.

com
loading ...