Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 9.1899

Page: 477
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1899/0247
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
477

PANTELLERIA

478

prospettica, non ohe il piano e la sezione di una
cella (tìg. 17).

La pianta è elittioa, misurando gli assi m. 5,85
X 5,30 ; finisce superiormente in una piattaforma, per
cui ha più aspetto di cono tronco, che di cupola. Lo
si può chiamare megalitico, perchè il paramento ne

la quale è intatta la banchina alta m. 1,40 e larga
m. 0,80 ; dalla pianta rilevasi la sua forma di cuore,
che in qualche modo lo avvicina alle « navetas » della
Spagna ('). È megalitico, a cono tronco, alto m. 3,30,
con tre celle a galleria brevissima.

Sesi na. 6, 7, 9. Esistono al margine della grande

è costruito da blocchi rozzamente poligonali di grandi
dimensioni (fronti cm. 90 X 65), accuratamente com-
messi, con gli interstizi riempiti di pezzi minori. Le
celle con gallerie sono cinque, e dai disegni che pro-
duco se ne desume la forma e la foggia di costru-
zione; la cella, come vedesi, era una vera e propria
O-óXoc.

Sese n. 2. A nord-est del preced., dittico (assi
in. 9 X 7,70), megalitico con tre celle equidistanti e
banchina esterna di rincalzo; in parte distrutto e
mascherato da macerie moderne.

Sese n. 3. Ad est del preced. su piccola eleva-
zione; nell'interno in buona parte franato e perico-
lante. Megalitico, a cono tronco (alt. m. 2,50) elittico
(assi m. 9,00 X 8,80), con tracce di banchina esterna
larga m. 0,65, e cinque celle.

Sese n. 4. Per metà distrutto, con due sole en-
trate visibili.

Sese n. 5. Se ne veda la imagine fotografica alla
tav. XX, 2, e la planimetria qui sotto (fig. 18).

Distrutto per metà e conservato nell' altra, lungo

corrente suindicata, ma sono quasi per intero distrutti.
Sese n. 8. Megalitico, elittico (m. 7,40 X 7,20

Fig. 18.

X 4,00 alt.) con quattro celle, una delle quali, ad
est, è la più ampia e con galleria più profonda, fatto

(') Cartailhac, Ages préhistoriques de V Espagne et du
Portugal, p. 142. Idem, Les monuments primitifs des Ba-
léares, p. 33 e segg.
loading ...