Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 15.1905

Page: 5
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1905/0009
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
MONUMENTI PRIMITIVI DI ROMA

E

DEL LAZIO ANTICO

Quae anta conditori condendamve urbem poeticis magis decora
fabulis quam incorruptis rerum gestarum monumentis traduntur, ea
noe adfirmare nec refellere in animo est. Datur haec venia antiquitati,
ut miscendo liumana divinis primordia urbium angustio™ faciat.

Livio ed. Weissenborn, p. 1, n. 6.

Quae ftierit nostri, si quaeris, regia nati
Aspice de canna viminibusque domum.

Ovidio, Fastorum, ed. Merkel v. 183,184.

I passi sopra riferiti, mostrano abbastanza chiara- se una scuola tedesca, i continuatori del Becker e del

mente la piena convinzione degli antichi scrittori ro- suo metodo, seguita ancora a lasciare in seconda linea

mani che ben poco valore storico avessero le leg- lo studio minuto dei monumenti, contentandosi di

gende da loro riportate sulle origini di Roma; quello distruggere le vecchie teorie con una critica più o

di Ovidio poi è notevole, poiché addita i monumenti meno arbitraria dei testi sui quali si basano, talora

primitivi allora noti, quali unici elementi da cui era sostituendole con altre fondate su di una nuova combi-

possibile formarsi un concetto concreto dello stato nazione dei testi medesimi ; altri hanno dedicato lavori

civile dei Romani all'alba della loro costituzione cit- cospicui allo studio dei monumenti. Più che da altro

tadina. Questo antico convincimento non ebbe però largo quindi il difetto che osservo nelle precedenti ricerche

seguito negli scrittori moderni e perfino gli studi sulla Roma primitiva, dipende spesso da quella specie

sulla topografia primitiva della città, che più di ogni di disprezzo, o almeno di poca simpatia, che gli stu-

altro avrebbero dovuto fondarsi sull'esame dei monu- diosi di antichità classiche professano per i monumenti

menti, furono compiuti quasi unicamente col sussidio preistorici. Eppure questi, coevi all'epoca che si vuole

delle fonti letterarie, che combinate in varia guisa, o rievocare, sono lo specchio che ce ne dà una imagine

emendati diversamente i passi, dettero vita a teorie fedele; le leggende invece, raccolte in epoca tarda,

diverse e spesso contradittorie sulla postura di questo o viziate per errore, per spirito di parte, per ambizioni

quel monumento. personali o di famiglia, inventate talora di sana pianta

L'aver trascurati i monumenti primitivi nell'esame per spiegare dei fatti incomprensibili, o sino allora

delle questioni attinenti alle origini di Roma, non si non spiegati, sono per noi un raggio di luce che pas-

deve però attribuire sempre a vizio di metodo, poiché sando attraverso a prismi diversi giunge, dotato è vero
loading ...