Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 19.1908

Page: 421
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1908/0245
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
421

A GROTTE ARTIFICIALI DI ANGHELU RUJU

422

di orcioletti con ansetta a bugna, con loro a canaletto
per sospensione.

L'ampia cella b, che lasciò conoscere di aver ser-
vito ad almeno 10 deposizioni, tutte però sconvolte,
entro uno spesso strato di terriccio, dette una grande
quantità di pendagli etti di conchiglie forati, tondeg-

suo manico di osso, oltre a due altri punteruoli con-
simili, ma frammentati, ed una pietra da aguzzare
in calcare compattissimo grigiastro, molto lunga
(mm. 112) e forata alle due estremità, del tipo già
dato da questa e dalle necropoli del Capo S. Elia e
specialmente frequente nelle ricordate tombe di Spa-

Fig 12. — Anello in pietra della tomba XIII, denti di orso delle tombe XIII, XVII; pendaglio della tomba XIV.

gianti ed allungati, una cuspide di freccia di selce
bianca, a foglie di salice spezzata al piede, di 33 mm.
di lunghezza, sottile ed elegantissima, con ritocchi
minuti ed accurati su tutto il margine, da ritenersi
od un amuleto o un'offerta al defunto (tìg. 49,4). Dalla
stessa cella provengono un punteruolo in rame, a se-
zione rettangolare, lungo 70 mm. (tìg. 31, 3,5,6), si-
mile a quelli già dati dalle tombe I e III di questa
necropoli ed a quello della grotta di S. Bartolomeo,
presso Cagliari ('), dove fu trovato ancora munito del

(') Colini, Bull, eit., a. XXVII, p. 26D,

gna, come nelle allées couvertes di varie località della
Francia (tìg. 13, 3).

La ceramica di questa cella, oltre a frammenti di
vasi di rozzo impasto, dette i resti pur troppo scarsi
di due vasi forse a campana, forse larghi piatti in
argilla ben depurata e ben cotta, durissima e con lu-
cente ingubbiatura gialliccia-crema, decorata a pres-
sione ed incisione molto profonda e netta da zone di
semplici linee parallele, alle quali si alternano fa-
scie riempite da linee oblique incrociate, molto rego-
lari, che lasciano spazii romboidali (tìg. 20, 2,5,7);
motivo decorativo questo perfettamente consimile a
quello di alcuni vasi dati dai dolmens della Fran-
loading ...