Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 721
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0386
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
721

ESPLORAZIONI ARCHEOLOGICHE NELLA LICIA E NELLA PANFILIA

722

cartella anepigrafe tra due scudi incrociati con lancia. di età imperiale romana, e quindi anche lo sbarra-
li sarcofago è interessante come l'unico, a mia cono- mento vanno ittribuiti a questa epoca.
s°enza, della valle del Ciandyr, il quale ripeta la sa- Zindan Jacasi. — A mezz'ora di cavallo da
•roma ogivale e crestata del ripo licio. I lati lunghi Ciatalsciam e a meno di mezz'ora prima di Ciandyr,

Fiq. 14. — Sarcofago di Ingirgik Kj Bj.

sono ornati ciascuno di due teste bovine, delle quali
peraltro solo quelle del lato principale sono state finite.
Il motivo delle teste bovine è frequente nei sarcofagi
licii. I clipei del sarcofago sono identici, per tipo
e per fattura, a quello sull'architrave del vicino edi-
ficio ; non vi è dunque dubbio che si tratta di costru-
zione contemporanea. Il sarcofago, per la sua decora-
zione che ricorda quella comune a tutti i sarcofagi

Monumenti Antichi — Voi. XXIX.

alquanto sulla destra della mulattiera, si scorge un
grande terrazzo roccioso che domina tutta la regione
di mezza montagna che si attraversa. Esso, dal basso,
sembra pili o meno isolato anche a monte ed ha le
pendici e la vetta fittamente coperte dalla selva.
Oblungo e con i margini a picco, fa l'impressione di
una grande acropoli. Da esso si stacca una dorsale
non molto accentuata, che declina verso la mulat-

47
loading ...