Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 1.1895

Seite: 336
DOI Heft: 10.11588/diglit.19207.33
DOI Artikel: 10.11588/diglit.19207.34
DOI Seite: 10.11588/diglit.19207#0345
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1895/0345
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
386 GIULIO BONOLA

phori et dominus presbiter Joseph de Bugnate filius quondam domini Antonij omnes habi-
tatores dictae terrae Burgimanerij et quilibet eorum suis nominibus proprijs tamque de
dieta Communitate Burgimanerij parte una — Et dominus magister Johannes de Rapa filius
quondam domini Dominici de Varallo et dominus magister Ilieronimus de Yaroldis filius
magistri Bernardini ambo pictores et habitatores Civitatis Novariae et quilibet eorum parte
altera, et quilibet eorum mutuis et debitis stippulationibus liine inde intervenientibus, etc. —
« Devenerunt et deveniunt ad infrascripta paeta et conventiones yindelieet —

« P.a li ditti dipinctori promettono alli detti consuli et consigliari et Regenti di Borgoma-
nero presenti di fare una anchona supra l'altare magiore in la giesia di Sancto Bartolomeo
d'essa terra di altezza di braccia sette di legname cioè dal detto altare sino al'ogio dove e la
vedriata et la largheza de braccia quatro et quaranta una del modello quale e signato et sotto-
scritto de mano de mi notaro infrascritto salvo perho come quada basso ciò e — che in detto
modello gli sia un quadro nel mezo con la sua proporzione nel quale li sia dipinta la figura
de la Madona con el fìollo in brazo. Che sia tutta mista in oro fino di ducatti scutati caduno
con la sua diadema proporzionata et la vesta di sopra di colore incarnato con loro masnatto,
et de la parte dritta d'essa Madona in altro quadro li sia dipinta la figura de Santo Bar-
tolomeo con la vesta di sotto verda et quella di sopra biancha con qualchi lavori d'oro
di supra come meglio parirà a li detti majestri con al suo coltello et officio in mano, et
da la parte sinistra d'essa Madona in detto quadro li sia depinta la figura de Sancto Joseph
con le sue veste colorite et ornate corno meglio parirà a ditti depinctori, et in l'altro quadro
da man dritta la figura de Sancto Andrea et in l'altro quadro da mano sinistra la figura
de Sancto Giovanne evangelista con le sue veste colorite et ornate come meglio a detti
depinctori parirà, in un altro quadro di sopra da detti quadri cioè di sopra de la Madona
nel quale quadro sia un Christo nudo morto et da un canto la figura de la Madona et da
l'altro la figura de Sancto Giovanne tutti dal mezo insuxo con li soi colori et ornamenti
corno meglio a li ditti-rlepinctori pararirà, et in li anguli d'esso quadro li siano depinti doij
angeli che prieghano ornati corno a detti depinctori meglio parirà, et di sopra d'esso quadro
li sia una cinta secondo il disegno d'esso modello, et dissotto de tutti detti quadri li faciano
una banchetta nel mezo in la quale vi sia una cassa per riponere il tabernacolo del Corpus
domini et sopra del ugiollo dessa casseta li sia depinto il tabernaculo et in essa banclieta
li sian quatro quadri, ciò e doij per banda dessa cassa del Corpus domini sotto la figura
grande in li quali quadri li siano depinti quatro misterij de la vitta de Sancto Bartolomeo
ornate et depinti come meglio parirà a li detti depintori et in li altri quatro quadreti quali
serano sotto li pedistali de le coione li siano depinti in l'uno la figura de Sancto Rocho
in l'altro la figura di Sancto Cristoforo in l'altro la figura de Sancto Eustachio et in l'altro
la figura de Sancto Sebastiano ornati et coloriti corno a detti dipintori meglio parerà et
nel bracio di sopra de la anchona metterli quelle parolle piacerà a detta Comunità et siano
misse a letere di oro et tutte dette figure siano depinte con olio con colori fini et il resto
d'essa anchona et ornamenti con le sue colonne secondo il modello detto di sopra sia tutto
misto a oro quale anchona sia fornita et missa in opera per tutto il mese di luglio proximo
venire et questo tutto a le spexie deti dipintori, salvo che la detta Comunità sia debitrice
far condurre detta anchona da Novara a Borgomanero a sue spexe et anche far le spexe
cibarie a li detti dipintori et al majestro quale 1 ha venirà mettere in opera quà a Borgo-
manero et anche pagare la debita mercede al detto majestro qua 1 ha miterà in opera per
quelli giorni starà quà a metarla in opera et detto modello del quale di sopra si fa mentione
di sopra sottoscritto di mano de mi notaro infrascritto è sta datto ivi presentialmente da
mi notaro infrascritto a li detti depintori fatta la detta anchona ch'abbiamo da consegnare
a detta Comunità per vedere se sarà conforme a ditta anchona et che detta anchona sia
laudata da due persone intelligenti et confidenti a ditte parti et che ditta Comunità dia
le asse per metterle in dreto di detta anchona et che li detti dipintori li facciano metterle
in opera et dipingerle come a loro parerà et che ditti dipintori siano tenuti dare idonea
loading ...