Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 8.1898

Page: 259
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1898/0138
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
259

POMPEI

260

interesse l'azione. Il satiro dalle orecchie aguzze, coro-
nato di pino e munito di nebride, tiene nella sinistra
il pedum e quasi è per accostare al mento l'indice della
dritta, in segno d'attenzione. Le baccanti sono anch'esse

di cui ora avanzano quattro, due sulla parete est e
due su quella ovest : il primo, a cominciare dalla pa-
rete est, rappresenta un Amorino con gli attributi di
Mercurio ; è a cavallo di un ariete, e col capo coperto

PlG. 10.

coronate, e due reggono il tirso. Nello sfondo, il so-
lito pilastro quadrangolare, al quale, dall' una parte e
dall' altra, sono sospese cortine verdi. Le figure di Eros
e di Pane sono un po' danneggiate.

Nelle riquadrature laterali, che sono divise da quelle
centrali per mezzo di prospetti architettonici, si vedono
quadretti circolari (diam. m. 0,30) a fondo rosso-cinabro,

dal petaso tiene nella dritta il caduceo e la borsa,
mentre con la sinistra si afferra alle corna dell' ariete.
Il secondo ritrae un Amorino seduto sopra un pavone,
il volatile sacro a Giunone: il terzo un Amorino
sdraiato sul dorso della pantera di Bacco, del quale
tiene nella sinistra il tirso; e finalmente nel quarto
vedesi un altro Amorino, che tenendo nella sin. la
loading ...