Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Hrsg.]
Monumenti antichi — 9.1899

Seite: 307
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1899/0162
Lizenz: Freier Zugang - alle Rechte vorbehalten Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
807 RICERCHE ARCI

lettile, e forse altri caratteri di cultura, con quelli che
lasciarono le loro traccie ad H. Onuphrios e ad Arvi
in Creta, ed a Thera ed in altre delle isole Cicladi.
dove vennesi rivelando, nelle ultime ricerche, la ci-
viltà egea.

>GICHE CRETESI 308

egea, di cui la grotta di Miamù ci offerse traccie
palesi, le quali confermano i dati sinora isolati e spo-
radici di altri punti dell'isola, quali H. Onupbrios,
Arvi, e possiamo aggiungere, Siteia, Goulas, e come
ora vedremo, Axòs(').

Questi pochissimi dati, che per allora non mi fu
dato confermare con altre scoperte del tipo medesimo, mi
hanno fornito la prova di ciò che del resto era facile sup-
porre : anche in Creta, e specialmente in questa ampia
vallata della Messarà, così fornita da natura delle
condizioni necessarie alla vita dell' uomo, furono sino
dall' epoca più antica a cui si può risalire colle me-
morie primitive della civiltà mediterranea, insedia-
menti di schiatte umane; dalla primitiva famiglia
neolitica, si segue il corso della coltura sino alla gente

Axòs ed il Mylopotamos.

Tutti i viaggiatori che hanno esplorato l'isola si
accordano nel magnificare la bellezza del distretto del
Mylopotamos, che è realmente una delle regioni più
coltivate e ricche dell'isola e nella quale sono più
numerosi i centri abitati.

(') Evans, The IL Onuphrius deposti, p. 128, fi?. 133,
134; p. 120, fi?. 113-120.
loading ...