Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 13.1903

Page: 171
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1903/0092
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
171

LE ANTICHITÀ DEL TERRITORIO LAURENTINO

172

questo personaggio egli riferisce il piedistallo scoperto
negli scavi Kambo, con l'iscrizione :

umilili iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
NO • MAXIMO • C ■ V •
VATI ■ PRIMARIO • QJVAES-
TORI CANDIDATO PRAE
TORI • V RB ANO ■ PONTIFICI-
MAIORI PONTIFICI DEI •
SOLlS-ELEcTo ■ AD LEGATION-
PROVINO AE ASIAE- PATRONO
ET • CVRATORI • L • L ■ SACERDOTA
LES-ET-POPVLVS

La prima linea è resa illeggibile dai muschi, ma
pare certo che incominci col prenome IVNIO. Ad un
altro Priscilliano, che come il precedente ommette
una L dal cognome (Priscilianus), appartiene il se-
guente piedistallo, custodito dal sig. Principe del Vi-
varo nel giardino del castello. È di rozza fattura, di
paleografìa scadente, e porta sui fianchi i simboli del
simpulo e della patera:

ALERIO CLAVD
ACILIO PRISCILIN
VGVRI • LAVR • LABI
(') NN • INTERXX ■ CoS
3ERIS RIPARVM
\QVAESACRAE
'LARIORDINAR
ELAR QVAEST-
\0 QVAEST
PONTIFICI
I • TRI VM
ONETARVM
"E • SEVIRO
OM • TVR
OB EXIMIVM
EM • INCIVES
CERDOTALESET
VS SVE PECVNIAE
OSVERVNT

Cioè: (.... l)alerio Claud{....) Acilio Pri$cil(\)ian
(o , a)uguri Zawr(entium) Zafo'(natium ....)inter xx .

tfo(n)s(ulares ? consularis alvei tì)beris riparum (cloa-
Qzx\\)mquae sacrae (urbis consolari ordinario, prae-
tori tut)elar(io) quaesl(ori urbano p)ro quaest(on
provinciae ?....) pontifici (maior)j' triumviro m)one-
tarum (.... et?) Seviro (equitum r)om(anorum) tur
(mae....) oh eximium (amor)em . in cives (x&)cerdo-
tales et (popul)ws sue pecuniae (\))osuerunt.

Questo personaggio è assolutamente sconosciuto,
a dispetto della sua brillante carriera, nella quale
vi sono dignità e ufficii che darebbero luogo a lunghi
comenti. Credo che l'interxx CoS della linea quarta
si riferisca alla Commissione di venti consolari che
il Senato romano, ricevuto dall'Africa l'annunzio della
proclamazione dei Gordiani all' impero, nominò ad ur-
genza per difendere 1' Italia contro Massimino. Ciò
avvenne nell'anno 237 p. c. Se la congettura è giusta,
sarebbe questa la seconda iscrizione che faccia ricordo
di un tale avvenimento. L'altra fu scoperta a Corcolle
l'anno 1549 (CIL. XIV, 3902) e contiene il cursus
honorum di C. Cesonio Lucilio Macro Rufiniano, il
quale si qualifica xxviros ex s. c. reipublicae cu-
randae.

Tutti i frammenti che seguono furono scoperti me-
desimamente negli scassati della Vigna nuova.

a)

b)

CAES-M - i" ELIVS

" e

I • NEPOS • DI

/. /.///• //, a)
?/"/'///•'///'///

POT • VIII
TVTAE■ET
\lNCENDIO

o)

d)

PRO SAL
TVS ET RE I

LÀ R U

praetorI- v

(») Le due sigle non sono chiare e mi è sembrato leggere
N AT , ma non oso affermarlo.

<

tt • PRISCI
loading ...