Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Hrsg.]
Monumenti antichi — 19.1908

Seite: 5
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1908/0009
Lizenz: Freier Zugang - alle Rechte vorbehalten Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
IL SARCOFAGO DIPINTO DI IIAGHIA TRIADA

Aèyta ro'ivvv dei xcù navxi xai navxa^ov
xàVkiaxov eivcu «irdpi nXovxoVvxi vyiaivovxi,

xifuopévu) inò x&v 'lìXkrjvwv.....ìrnò

xBìv avxot) èxyóviav xaXtòg xal fMeyaXonQtnCìg
xa<pi]vai.

Plato, Hippits mator, p. 291.

La nolvdaidaXoq laqva^ che gli scavi della Mis-
sione Italiana trassero nel luglio 1903 di sotto a
poche zolle erbose presso il palazzo di Haghia Triada,
ha lungamente atteso la sua illustrazione. Rendendo
conto nel voi. XIV di questi Monumenti degli altri
travamenti avvenuti in quel sepolcreto, pensavo del-
l'arduo compito « anima fia a ciò di me più degna *.
Ma purtroppo l'anima degna, lo scopritore del palazzo
e della necropoli, Federico Halbherr, e per le cure
del suo insegnamento e per leggera stanchezza visiva
dovuta al molto suo lavorare, non ha potuto atten-
dere a questa pubblicazione, e ha voluto, per non ri-
mandarla più a lungo, che io ne assumessi l'incarico,
mettendo a mia disposizione le schede che egli aveva
già cominciato a preparare sull'argomento.

Con i miei ringraziamenti vada al maestro buono
e caro l'augurio vivissimo, che egli possa con rinno-
vata vigoria presto tornare ai nobili e sapienti lavori
intermessi.

Dopo Federico Halbherr, la più viva gratitudine
io debbo all'ottimo amico e collega Enrico Stefani.
Egli con paziente abilità pose prima allo scoperto
tutta la pittura celata da secolari incrostazioni cal-

caree, e poi riprodusse con sommo studio e con squi-
sito senso artistico le scene rappresentate.

La tomba del sarcofago dipinto.

Riassumerò brevemente quanto già scrissi sulla
tomba e sul materiale rinvenutovi (').

Sorgeva essa in mezzo ad altre tombe di età di-
verse sul fianco settentrionale del colle rov lAyiov
rsaqyiov a poca distanza dal palazzo (2). Tanta im-
mediata vicinanza dei sepolcri alle case non è stata
osservata nè a Knossos nè a Phaestos (3), ma si ha
invece per tombe di bambini a Micene (4), negli strati
preistorici dell'acropoli di Atene (5), e risalendo an-

(') Rendic. Lincei, XII, a. 1903, p. 342; Mon. Lincei,
XIV, p. 713.

(*) Cfr. Mon. Lincei citati, tav. XLI, n. 4.

(') Evans, Prehistoric Tombs of Knossos in Archaeologia,
voi. LIX; Gerola, Lavori eseguiti nella necropoli di Phae-
stos in Rend. Lincei, XI, a. 1902, p. 318; Savignoni, Scavi e
scoperte nella necropoli di Phaestos in Mon. Lincei, XIV, p. 501.

(*) Tsundas in 'Eq>. 'Aqx-, 1891, p. 23.

(") Kavvadias in Xqx. JtXxiov, 1888, p. 83 : anche le te-
stimonianze classiche ricordano questo costume per gli anti-
chissimi Ateniesi : cfr. l'Iato, Minos, 315.
loading ...