Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 87
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0194
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO III \.

ter che ella il tutto diuora e. confuma. Adunque gli fpor
ebezzi che uifìgìttano dal terreno fummo forbiti,on*
de meno offenderanno i puzzolenti uapori.Le fogne oue
l orina fi gitta,fiano da le mura feofìate, per che ne gran
caldi uengano da quella guarii e corrotti. fiumi efofic
' 4* nauic.tr e ne le uiefì debbono computare, quando che
la nane al carro s'affomiglia, CT il mare altro non è che
Uttaliquidauia.tAano accade quiuiparlarediquefleco
fe-Se non darà la natura del luogo tali commodi,co ma*
"P ©T arte ne li procaccieremo^emendando fé ui faranno
utyffla di quefeo alfuo luogo parlerafii,

V>ifabricare commodi parti,e diuidere le piazze
ne la città. Cap.2.

|Lporto ueramente è una parte de la città à que&c

Minilede lequali hora parliamo. E il porto comequel

ko&>onde à correre fi comincia,ondc tu cominci iluiag

&oaoi<ef o tornandone ti ripofì. A Un dicono il porto effe

** <fc k n<\ui la ftaUa chiamalo adunque come più ti pia

Cc> Meramente fé Vufficio del porto è raccogliere in fé le

Mi da la fortuna fcampate,è ragioneuole etiamdio,che

e c°fiferui.Udbbia robusti e alti fianchi, & ilftacio m

Y'Jf Sconcio,che grandi e cariche naui commodamen*

entrino, e fteure ui fliano. il che fé dal luogo ci farà

'P 3 non hxi che più defìderare ,fe non forfè, come in

d II"0"*^cc^uc^ide,cheeranotreporti^fo&iin

bt0 3 qualpiu fujfeà pigliare commodamente terra

c°ncio. Ma per le cofe nel primo libro dette è mxnife

' che'n alcune regioni non regnano tutti i uenti,altre

fono
loading ...