Maffei, Paolo Alessandro; Rossi, Domenico de [Editor]
Raccolta di statue antiche e moderne: data in luce sotto i gloriosi auspicj della ... Papa Clemente XI. — Rom, 1704 [Cicognara, 3523]

Page: r
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/maffei1704/0275
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
INDICE DELLE M AT

le terme di Tito 160. aveano tre
parti, o sieno tre stanze per tre sor-
ti di bagno caldo , tiepido , e fred-
do , ivi : variamente denominavan-
si i loro lavacri idi. quanti, e co-
me numerosi vi fodero i Tedili, ivi :
Laconico delle terme che cola fos-
se , ivi : come si facesse pasfaggio
da una danza all’altra i62.nell’in-
gresio erano oscure , poi luminose
con grandissìme finestre, ivi : con-
suetudini e leggi delle terme, ivi :
ore dedinate a lavarli, ivi : dava-
no aperte tutta la notte , ivi : avea-
no un Ibi fornello non solo per ri-
baldare i bagni, ma Tacque 164.
come fodero disposte per ricever
secondo la dispolizione de’ luoghi,
e delle acque il calore più gagliar-
do, e più temperato, ivi: Tusculane
di Plinio 160. di Costantino ove
fodero 14.
Terra era dimata rotonda anche dagli
antichi 82. soiita figurarli col cala-
to in capo 114.
Terlicore sigurata per la musa , che
muove gliasfetti col suono della ce-
tra 107. altri in vece della cetra
le danno la tibia,ivi: etimologia del
suonome donde derivi, ivi .
Teda d’una datua spede volte adatta-
ta ad un’altra , e quanto facile sia su
ciò prendere degli equivoci 124.
Tevere fiume divide il Lazio dalla
Toscana, e dall’ Umbria 7. sua da-
tua in Campidoglio, ivi : dove tro-
vata , ivi : servi per ornamento del
tempio Serapeo, ivi : sua datua ec-
cellentidìma nel Vaticano,ivs.dove
prima folle , ivi : fatta giacente , e
con quali simboli 8. colla canna, e
coll’urna 167.
Tibie adoperavansi nelle còmedie, ed
erano di differenti sorte 112.,e 11 3.
Tigre animale consagrato a Bacco 35.
Timagene Greco nemico grande di
Roma, per qual cagione si dolesse
degli incendj di lei Vili.
Timbreo,e Antifante figliuoli di Lao-
coonte 1.
Timpano de’Baccanti come , e di che
materia folse 40. tisato ne’ sacrifizj
di Bacco, ivi.
Tintinnabolo di bronzo fatto a modo
di bacile, appeso alla porta delle
terme, percolso col maglio invita-
va ilpopolo al bagno 162. sua for-
ma, ivi.
Tirso, difserente da quello, che fanno
erroneamente i pittori moderni
127.,e 129.
Titiri numi delle selve, e compagni
di Bacco 38.
Torre Abbate Filippo del Torre loda-
to 113. Vescovo d’Adria, ivi.
Torso di Belvedere bellisiìmo n.
scolpito da Apollonio Greco, ivi :
quanto stimato dal Buonarroti, ivi :
dee servir di scuola anco a’ mae-
stri, ivi : muscoleggiato all’uso d’-
Ercole, ivi : conia pelle di leone,
ivi : fiimato falsamente che rappre-
sentasie Ercole, che scoppia Anteo,
ivi : trasferito da Giulio Secondo
nel cortile di Belvedere, ivi : di
nuovo nel vicino portico dalla San-
tità di N. S. CLEMENTE XI., e

racchiulotra cancelli di ferro , ivi.
Tragedia si distingueva dalla comme- ’
dia pel coturno 112.
Tridente dato per scettro a Nettuno,
e perchè 67.
Trojani nell’antico Vergilio’della Bi-
blioteca Vaticana vestiti in abito
Frigio 116.
Tromba attribuita all’azioni guerriere
158.
Tuscia Vergine Vestale, e sua statua
col vaglio in mano nel palazzo
Chisio 80.
Asari dipinse la sala del pa-
lazzo vecchio in Firenze
45*
Vaso d’acqua portava!!
nella pompa sagra diSerapide per
lignificare il principio della facoltà
d’umettare , come causa della nasci-
ta, e della sostanza del feme 135.
Velo Ilìaco geroglifico delle tenebre
della notte illuminate dallo splen-
dore della Luna 135.
Velod’Iside Embolo di nascosa divi-
nità 140.
Velo sùlatesta usato ne’ sagrifìzj de’
Gentili 136.
Venere Dea della bellezza, e della
Jascivia 5. figurata ignuda, ivi: per-
chè , ivi : Dea delle meretrici, ivi :
più sue fiatue in Roma, ivi : scolpi-
tadaCleomene 28. trasferita dagli
orti Medicei in Firenze , e quando,
ivi : ha i capelli indorati, ivi : e bu-
cati gli orecchi, ivi : mandata in
dono da Cleopatra a Cesare 29.
scolpita da Archesilao, ivi : altra da
Roma portata a Firenze 29. restau-
rata, ivi : donde nata 29. scolpita
sopra una conchiglia , ivi sua nasci-
ta in un basTorilievo antico nel pa-
lazzo Mattei, ivi : fatta in pittura,
e dedicata nel tempio di Cesare,
ivi : detta Anadiomène 30. col del-
fino accanto per simboleggiarla na-
ta dal mare 136. di Fidia celebratis-
sima V. in atto d’uscire dal bagno
54. altra sua statua dove trovata,
ivi : anticamente nel portico d’Ot-
tavia, ivi : Genetrice , e suo tem-
piofabbricato da Cesare 52. si pre-
sentò avanti Paride coronata di;mor.
tella 109. vincitrice figurata nelle
medaglie col pomo in mano 116.
Vergilio,e sua immagine in una meda-
glia di Fulvio Orsino 21. y. Statua
di Vergilio .
Vergini avevano una acconciatura
semplicisiìma di tesita,portando i ca-
pelli annodati in cima delia medesi-
ma 1 io. con aconciatura de’ capel-
li disferente da quella delle matro-
ne 137. greche anticamente si pro-
ponevano per mogli a quei giova-
ni , ch’avellerò data alcuna virtuo-
sa pruova di se stesli 90. Veslali, e
loro statue in varj palazzi, e luoghi
di Roma III. v. Vejlali.
Verità figurata ignuda, col sole in
mano, e col globo sotto il piede
dal Bernino, e per quali ragioni
132. amica della luce, e superiore
a tutte le cose del mondo, ivi : ami-
ca del tempo 133. sua statua labiata
dai Bernino con stretto, e perpetuo
fideicommisso a’ suoi eredi, ivi :


E R IE.
L. Vero ,e suo ritratto satto da Capi-
tolino 99. fu d’ingegno aspro , e di
costumi labi vi, ivi.
Vespero colla patera delle libazioni
lignifica, che’l principio della not-
te coll’umido naturale rinvigorisee
la terra 114.
Vespero , e Lucifero in atto di sacrifi-
care a Giove 113.
Vestali destinate al culto , e alla con-
servazione del fuoco eterno , e alla
custodia del pegno dell’Imperio 79
come vestisiero, e differenza del
loro abito sacro dal civile,ivi: e 80.
Vestale Masfima avea abito piùsun-
tuoso delle altre III.
Veste meretricia distinta dalla matro-
nale , e come 50. degli Egizzj ado-
perata nelle sacre cerimonie era di
lino 143.
Vesti rade, e trasparenti usate dalle
donne poco oneste 51 .biasimate da-
gli scrittori, ivi : dette vitree, ral-
le , e Coe , ivi : ne passò Tuso nelle
matrone , ivi .
Vico de’ Cornelj, 51. Mamertino do-
ve fosi’e 2 6.
Vigna di Monciatti nella via Ostiense
155. sepolcro della Gente Azzia
seoperto nella medesima, ivi.
Vignoli v. Giovanni.
Villa Borghese piena di preziosi , ed
eruditi antichi marmi 75.
Vino,e grano destinati principalmente
al mantenimento degli uomini 36.
Vino inventato da Bacco 3 si. bevuto
moderatamente rende miti le men-
ti più feroci 36. se smoderatamente
fa gli uomini bestiali, ivi.
Virtù del Principe può tutto appres-
so i suoi popoli 64.
Vita umana distinta in intellettuale ,
naturale, e media 134.
Vittoria di Michei-Agnolo fatta per
il sepolcro di Giulio Secondo 45.
Ulisse, e Diomede rapirono il Palla-
dio daTroja 75.
Umiltà parte principalistima della vir-
tù 3L
Volume dato in mano a gli Oratori
21.
Urania musa dell’AstroIogia 111 .e de’
componimenti sacri, ivi : come fi-
gurata , ivi.
Urbano Ottavo : sua statua scolpita
dai Bernino 145.
Urna era insegna de’ siumi 79.
Unguenti, e olj delle terme donati al-
le volte gratuitamente dagli Impe-
radori 163. si vendevano in esse,
ivi : altre volte si faceano portare
dal servo , ivi : ne fu introdotto l’-
uso per salute 164. ma degenerò in
lusso, ivi.
Unzione che praticava!! nelle terme
dopo esfersi lavati, o aver sudato
163. serviva a fermare il sudore, e
a custodire il corpo dall’inclemen-
za delTaria, quando s’usciva fuori
delle medesime 164.
Accagna v. Lorenzo .
Zingari, che sorte di
gente sieno 71. vivono di
rapine, ivi : proseritti dalle
leggi, ivi : si mostrano periti di chi-
romanzia , ivi : mentibono essere
Egizzj d’origine, ivi,


FIKE DELL' IKD1CE DELLE MATERIE.
loading ...