Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 20.1910

Page: 261
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1910/0141
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
261

LA NECROPOLI NEOLITICA DI MOLFETTA

262

loi comò quelle di Haghia Triada a Creta, dove cen-
tinaia di cadaveri vengono poco per volta deposti in
una grande tomba a vòlta. Riconosciute le relazioni
preistoriche dell'Egeo coll'Italia, lo studio della forma
che hanno le tombe e la loro evoluzione, può diven-
tare un elemento importante per la cronologia. Proba-
bilmente la necropoli di Molfetta e le tombe a forno
della Sicilia sono anteriori alla grande Tholos descritta

Fig. 14.

Le Figg. 14 e 15 sono ridotte a circa metà grandezza

teristica dell'epoca neolitica. Sopra la mano destra vi è
una coppa di terra nera che ha il diametro di m. 0,12 ;
essa è ripiena di ciottoli che la ricoprono. Sono 27, e
nelle figg. 14 e 15 ne fotografai alcuni pezzi scelti a
caso. La coppa era talmente guasta che non mi riuscì
di restaurare il vaso. La tomba, dalla superfìcie piana
delle pietre al fondo, misura solo m. 0,19. Questa mi-
nima profondità lascia supporre che sopra l'orlo della
pietra si alzasse un cumulo di terra od una costru-
zione in legno, ora scomparsa. Siccome i ciottoletti
mancano negli altri sepolcri, è probabile siano un di-

A Fig. 15. B

la pietra B rotta sul bordo superiore è lunga m. 0,075.

dall'Halbherr, la quale appartiene alla line della
prima età minoica, o al principio della seconda.

Incomincio con una tomba fra le più complete
(tìg. 4, tav. Ili) nella quale lo scheletro era intatto
(n. 30). Qui vediamo che la tomba fu per metà scavata
nella roccia e per altra parte fu fatta con grosse pietre
messe circolarmente intorno al cadavere ('). Lo scheletro
giace sul fianco destro, con le coscie piegate suiraddome
e le gambe flesse, nella posizione così dotta fetale, carat-

(') Diametro maggiore m. 1.02, trasverso ni. 0,82, profon-
dità m. 0.19, altezza del livello del terreno m. 0,60.

stintivo od un emblema del comando; forse questa
tomba intatta era di un capo della tribù. Una sola di
queste pietre è lavorata; essa è segnata in A fig. 15;
ha forma rettangolare con gli angoli smussati, lunga
5 cm. larga 25 mm. alle base, spessa 7 mm. Un'altra,
pure di calcare bianco., ha la forma di mandorla. Tutte
le altre sono selci che saggiai coll'acido cloridrico senza
che dessero effervescenza. Sono ciottoli lisciati dal ro-
tolamento prodottosi nel letto di un torrente ; ed
hanno vario colore; gialle, verdi, brune rosse. Non
avendo trovato simili pietre nel fiume Ofanto io credo
siano state portate di lontano. Alcune sono scheg-
loading ...