Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 20.1910

Page: 335
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1910/0178
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
335

LA NECROPOLI NEOLITICA DI MOLFETTA

336

vedesi nella fig. 72 A B, chedànno il taglio alla lama.
Raramente, oltre la faccia piana da una parte, nella
faccia opposta vi sono quattro superficie longitudinali,
una a ciascun lato, e due nel mezzo.

Presso il pavimento della capanna quadrata, tro-
viamo il coltello di selce bigia col codolo rappresentato
dalla fig. 72 E. Stava in mezzo a molti frammenti di selce
ed accanto ad una grossa pietra : dove forse era una
officina di selci ('). È lungo m. 0,14, da un'estremità
all'altra, il codolo solo è lungo m. 0,065 e la lama
alla base dove si stacca il manico, è larga m. 0,035.

Mancano, come ho detto, le armi ritoccate sui
bordi (eccetto una piccola freccia proveniente dal fondo

A B C

B Fig. 73.

Spadaveccbia) ma essa, come vedesi nella fig. 73 B, è
tanto piccola e di un lavoro così informe che non può
darci alcun lume per la cronologia, tanto più che
l'ho trovata nella parte superficiale del terreno.

La mancanza delle freccio in questi scavi, è un
altro dato che viene a confermare che trattasi real-
mente di una stazione neolitica primitiva (2).

(*) Vedi per la bibliografìa della lama a codolo, Patroni,
Bull, paletn. ital., XXXI, 1905, p. 94.

(2) L'aver trovato il Mayer giù nel Puio tre belle treccie
due delle quali hanno il peduncolo e sono lavorate con fini
ritocchi, confermerebbe che la stazione dentro al Fulo nelle ca-
rerne sia meno antica.

L'esame di queste armi insieme a quello della
ceramica ci permette di fare un passo nella determi-
nazione cronologica ed affermare che la necropoli ed
il villaggio circostante di Molfetta appartengono al
primo periodo dell'età neolitica.

§ 2.

Manico di coltello fallo con un femore umano.

Lo trovai col dott. M. Gervasio nel fondo Gallo.
È un femore umano che probabilmente serviva come

Fig. 74.

manico di un coltello (fig. 74). Si riconosce che non
è osso di un animale, perchè la linea di inserzione
dei muscoli, la quale chiamasi linea aspra, non è
doppia, come osservasi negli animali. Questo femore
nella parte superiore venne tagliato netto con una
sega, dall'altra, verso il ginocchio, è rotto; diametro
30 mm. X 25 mm.

Nella parte superiore della figura, nella sezione
dell'osso si vedono i colpi di sega.

Una fessura lo divide per lungo ; questa frattura
probabilmente venne fatta cercando di fissare dentro
al manico una lama di selce, non saprei in quale
altro modo spiegare un'azione meccanica tanto vio-
loading ...