Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 30.1925

Page: 209
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1925/0122
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
CLVSIVM

RICERCHE ARCHEOLOGICHE E TOPOGRAFICHE SU CHIUSI
E IL SUO TERRITORIO IN ETÀ ETRUSCA

II nucleo centrale della presente memoria, cioè la reda-
zione della carta archeologica e la raccolta dei materiali
dì scavo della regione attorno ai rispettivi centri di trava-
mento, formò oggetto della tesi di laurea da me presentata
alla Facoltà di Lettere della R. Università di Roma
11 eli'autunno 1923. Giunto, dopo un altro anno, al termine
del lavoro, che aveva presentato per me particolari difficoltà
tecniche, specialmente per i rilievi da farsi sul terreno,
compio con animo lieto e grato il dovere di ringraziare
pubblicamente coloro che vollero in vario modo facilitare
il mio studio. Ma prima mi sia concesso rivolgere un
commosso pensiero alla memoria del prof. Lucio Mariani,
del quale ricordo, come sue ultime per me, le incoraggianti
parole di incitamento rivoltemi.

Grato in special modo debbo essere alla civica Com-
missione archeologica dì Cimisi e al suo illustre presidente
prof. B. Nogara, che mi concesse ampia libertà di studio
dei materiali conservati nel locale museo; e non meno al
N. H. dott. Emilio Casuccini, che mi apri liberalmente
le porle della sua casa e della sua collezione, nei miei
frequenti e non brevi soggiorni a Chiusi, si che gli sono
debitore, in gran parte, della possibilità di aver redatto
la carta della necropoli. Non minor gratitudine debbo ai
proff. E. Galli e A. Minto per aver favorito le mie
ricerche al museo di Firenze; cti proff. Peruier, Paribeni,
Cabrici, Poulsen direttore della Glyptoteca Ny Carlsberg,
e Bellissima, già direttore della sezione archeologica della

R. Accademia dei Fisiocritici in Siena; e infine, in modo
particolare, con riconoscenza e affetto devoto, al prof. G.
Q. Giglioli, che benevolmente assistè fin dall'inizio questa
mia prima fatica.

INTRODUZIONE

Descrizione geografica della regione.

Natura e conformazione di suolo ebbero senza dubbio
una influenza sul carattere e sullo svolgimento delle
più antiche civiltà, determinando svariati elementi, che
vanno dalle relazioni commerciali allo stabilirsi di par-
ticolari costumanze, specialmente nell'aspetto esterno
degli usi funerari.

E quindi utile far cenno, almeno nelle linee fon-
damentali, dell'aspetto geografico e del carattere geo-
logico di una regione, prima di iniziarne lo studio ar-
cheologico.

La regione di Chiusi costituisce oggi la parte
sud-est della provincia di Siena, e piccola porzione di
quella di Perugia, a occidente e a mezzogiorno del
Trasimeno. I suoi limiti naturali sono segnati all'in-
grosso: a nord-est da questo lago, a nord dalla Valle
di Chiana Aretina e a nord-ovest dalla regione chiamata
delle « crete », zona arida di terreno argilloso che giunge
fino all'Arbia; a sud-ovest dal massiccio del monte
Amiata, e a sud dal corso del Paglia; mentre a est,

Monumenti Antichi. — Voi. XXX.
loading ...