Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Hrsg.]
Monumenti antichi: Antichità del territorio Falisco: esposte nel museo nazionale romano a villa Giulia (Parte prima) — 4.1894 (1895)

Seite: 163
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1894/0088
Lizenz: Freier Zugang - alle Rechte vorbehalten Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
163

degli scavi di antichità nel territorio falisco

164

sola camera, con uno o due lotti, abbiamo costruzioni
grandiose ad imitazione della casa vera e propria, entro
cui tutti i componenti di una famiglia ebbero il loro
ultimo riposo. Quivi trovarono poscia riposo anche i
discendenti loro, ampliati per ciò maggiormente gli
spazi ; finalmente, abbandonato ogni concetto architet-
tonico nella costruzione interna, furono custoditi e rin-
chiusi entro ordini di repositorì o di loculi.

A quest'ultimo periodo nella necropoli di Narce
corrisponde il sepolcreto lungo lo stradone di Monte li
Santi (fig. 3 G, tav. Ili G). Vi mancano le grandi
tombe a molti ordini di loculi, che si incontrano lungo
le antiche vie, e nei sepolcreti della parte bassa del-
l'agro falisco, tombe che ci riconducono al III secolo
avanti Cristo, quando la città nostra era stata distrutta
ed abbandonata.

A. Cozza.
loading ...