Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi: Antichità del territorio Falisco: esposte nel museo nazionale romano a villa Giulia (Parte prima) — 4.1894 (1895)

Page: 5
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1894/0009
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
DEGLI SCAY1 DI ANTICHITÀ NEL TERPJTOHIO EALISCO

RELAZIONE

a s. e. il mimistro della pubblica istruzione

On. Prof. P. VILLA RI

1.

Vari anni or sono il Ministero dell'Istruzione Pub-
blica fece intraprendere studi e rilievi topografici per
la carta archeologica della bassa Etruria.

Si cominciò coli' indicare sulla carta dello Stato
Maggiore i resti delle antiche strade, i quali col cre-
scere dei lavori agricoli giornalmente si vanno perdendo.
Era necessario salvarne almeno il ricordo, per do-
cumento di storia e di topografia, se, con tutto lo
zelo degli uffici preposti alla tutela delle antichità,
nessuna garanzia certa potesse aversi, che in luoghi de-
serti e lontani quei pochi avanzi di opere antichis-
sime potessero ulteriormente resistere all'opera distrug-
gitrice degli uomini e del tempo.

Poi lo studio stesso di queste antiche strade for-
niva materiale archeologico nuovo ed importantissimo,
massime per l'età che precedette il dominio di Roma;
e si vide che di questo forte sussidio non si erano
sempre giovati i dotti stranieri, ai quali siamo debi-
tori delle migliori carte archeologiche d'Italia, che

vanno oggi per le nostre scuole. Si riconobbe cosi il
bisogno che per alcuni territori il lavoro si dovesse
fare da capo ; e quindi apparve la convenienza che uno
studio sistematico per la carta archeologica fosse im-
preso da noi, non solo a decoro del paese nostro, ma
ad utile dello insegnamento ; e fosse condotto innanzi
con tutte le garanzie, che mediante una savia dire-
zione governativa si possono ottenere. Apparve in fine
che un beneficio anche maggiore da opere ben dirette
per la compilazione di questa carta archeologica si sa-
rebbe ottenuto ; aprendosi un campo vasto e nuovo alle
ulteriori indagini, e determinandosi un programma com-
pleto, a cui l'amministrazione governativa avrebbe po-
tuto attenersi negli scavi di antichità, per contribuire
con questi, nel modo più efficace, al progresso della
cultura storica ed artistica.

Un ampio lavoro per raccogliere i materiali neces-
sari alla compilazione di una buona carta dell'Italia
antica non è stato ancora fatto. Le carte che abbiamo
sono appena sufficienti all' insegnamento elementare
della storia romana ; e quelle che si mostrano più rie-
loading ...