Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi: Antichità del territorio Falisco: esposte nel museo nazionale romano a villa Giulia (Parte prima) — 4.1894 (1895)

Page: 463
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1894/0238
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
463

DEGLI SCAVI DI ANTICHITÀ NEL TERRITORIO FALISCO

464

nessun oggetto dell'ornato personale nò del primo né
del secondo seppellimento.

Come rifiuto vi erano stati lasciati ventitre vasi,
molti dei quali precorinzi, e nella maggior parte

Tomba 24. Camera a pianta rettangolare, lunga
m. 4,80, larga m. 3,20, con panchine pei letti fu-
nebri. Era franata e spogliata: solo vi si raccolsero
alcuni frammenti di buccheri grossi.

buccheri. I primi (n. 2-12) ripetono forme comuni;
tra le quali due oinochoai a largo collo, ed altra più
piccola a collo stretto (n. 3, 4, 5), tutte ornate a zone
di rosso e di scuro; ed un askos a ciambella (n. 12)
con lungo beccuccio, pure ornato a zone.

I buccheri (n. 13-23), molti dei quali sottili e pun-
teggiati a ventagli, pare avessero fatto parte di duo
corredi, rimanendovi tre oinochoai (n. 13-15), tre
kantharoi (n. 16-18); parecchie ciotole e vasetti mi-
nori sempre di forme comuni ; inoltre una grande olla
a corpo striato (n. 1) e molti frammenti di vasi a
copertura rossa.

H

Primo sepolcreto a sud di Pizzo Piede.

Vi si scoprirono diciassette tombe, dodici a fossa,
e cinque a camera (tìg. 193). Le prime erano o fosse
semplici (n. 7, 9, 13, 16), o fosse con loculo pel
vasellame di corredo (n. 6, 8, 10, 11, 12, 14, 15, 17).
Non vi si trovò nessuna fossa con grande loculo se-
polcrale. Le camere (n 1-5) erano tutte a pianta tra-
pezoidale, e con sarcofago di tufo a coperchio fasti-
giato (fig. 63).
loading ...