Venuti, Ridolfino
Accurata e succinta descrizione topografica delle antichità di Roma (Band 1) — Rom, 1803 [Cicognara, 3906-1]

Page: 177
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/venuti1803bd1/0265
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile


lbric*. che 1

mica ni»h, ' 1
«"'dU'd

* Ve„etr ""

< r,ca doFmi5,
,e/mc pnbbUdR.2

^turino. Nell'Or,;

■cUmente potrebbe j,.
"i possono ess^v
' una Vigna delia a
lco Nel i699pot;
'» che da alcuni |,
^fite, ma fu irra-
di vedono nella l'u
he appartengano {.
a sono gran rovi:;;
i nel fine del pass;:;
ra ornata di graie
ungo 24 palmi, ài:

ridendo lo Stratta,
. avanzi di opera i
bini, e nel Giardino^
: poco distante déC
•tlun.i. Convengo ffli
stanze fornicate,e
ardinoRuspoli,f
-nati, essendo qitf
so il PaUzzoCaetaDi::
zzi di Antichità
a di Medusa 4*
delle M,eal^ ;
,e(0^!oSteSi

Parte I. Capo VII. 177

M Rem* .m tjf/w/o «//?. Una bella lucerna rappresentante il carro
»» di Nettuno ; una patera , che aveva grafito il prospetto di un por-
»» to, facilmente quel di Misseno, e più un rostro di nave di mar~
», mo da inserirsi in una di quelle colonne , che perciò rostrate ap-
„ pellavansi ; antichità tutte contemporaneamente scoperte nel luogo
„ stesso , sembrano determinare il vero sito di quell'Alloggiamento . Ai-
n cuni de'metalli qui ritrovati, furono incisi dal Piranesi (1);
„ il Sig. Ab. Guattani (3) fece incidere il bassorilievo rappre-
», sentante Roma sedente innanzi a Tempio già. eiistente a Vii-
*, la Albani, e indicato da Winkelmann , come rinvenuto in
„ queste vicinanze . 11 Sig. Duca di Sermoneta, Mecenate del-
f, le Lettere , e delle Scienze , ha chiamato su questo colle l'Acca-
„ demia de'nuovi Lincei, che particolarmente si volge alle Ma-
8, tematiche, ed alla Fisica sperimentale ,già resa celebre per
,, l'Europa : ora se ne pubblicheranno colle stampe le interes-
„ santi memorie , che non solo faranno onore agli Autori illu-
„ stri, ma a Roma, ed all'Italia,,. Non accordo perciò amo-
derni Scrittori, ma lascio indeciso , che questi avanzi non mol-
to lontani dalla Chiesa de' SS. Pietro e Marcellino appartenes-
sero alle Terme di Filippo Imperatore sull'indizio d'una sempli-
ce tronca iscrizione , che si dice ritrovata nella loro vicinan-
za, che così leggevasi :

L. RVBRIVS . GSTA . CVR.... P...„
CCXXII.... D. N. PHILIPP!" . AVG.
THERM......

poiché l'opera reticolata, di cui sono composti i muri di tali
avanzi, non favorisce tale opinione , non solo perchè quest'ope-
ra era andata in disuso sino da'tempi di Caracalia anteriori a
Filippo; ma ancora perchè le stanze fornicate di quest'opera
Tenunziano de'tempi d'Augusto, o poco lontani, ne'quali fu-
rono costituiti detti alloggiamenti ai Soldati Misenati nella III
Regione, ove rimangono tali avanzi (3).

Di contro SS. Pietro e Marcellino qualche avanzo d'anti-
ca fabbrica, che si vede nelle Vigne Astalli e Falconieri, vuo-
le il Signor Piranesi, che appartengano al Ludo Gallico . Que-
sti Ludi Gallici, Magni, e Matutini, che i Regionari accenna-
no nella III Regione, e nell'Esquilie » altro non erano, che

Z Scuo-

Ct) Piranesi Vasi e Candelabri ec- Tom-1. Tav. f. I. «8. it. (*" Gaatfasi Menum. Ined. Tom,
Jìl. f jonuspui p. i. (?ì Suet. in Galb» Donat. Ronr vet. p. tj%.

b

B

m



,^v---«,
loading ...