Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi: Antichità del territorio Falisco: esposte nel museo nazionale romano a villa Giulia (Parte prima) — 4.1894 (1895)

Page: 435
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1894/0224
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
435

DEGLI SCAVI DI ANTICHITÀ NEL TERRITORIO FAL1SCO

436

1, 2. Dentro il loculo, nello spazio occupato dal
cadavere, si raccolsero sei fìbule di bronzo di forma
etnisca (tav. X, fig. 12), e due braccialetti, uno di
bronzo ed uno di tilo di rame.

3-7. A capo ed a piedi giacevano cinque vasi fit-
tili del corredo funebre. Tre erano d'impasto artificiale
nerastro, cioè : un rozzo bicchiere (fig. 110) ; una pic-
colissima tazza con piede ; ed un coperchio notevole
per alcune figure di cani rappresentatevi di tutto ri-
lievo, dei quali soltanto due si sono mantenuti, e degli
altri si vedono le attaccature. Due erano a copertura
rossa, cioè un'olla liscia di tipo comune, ed una tazza
su alto piede con residui di ornati geometrici in
bianco. È riprodotta nella fig. 113.

Tomba 7 (N. XXXVI). Fossa rettangolare come
la precedente con grande loculo sepolcrale, profonda
m. 1,80, lunga m. 3,00, larga m. 1,50. Ne fu data
la pianta nella fig. 57. Devastata in antico, conservava
solo i frammenti dei fittili che formavano il corredo,
e dai quali furono ricomposti vari recipienti a coper-
tura nerastra, altri a copertura rossa e bianca.

I vasi nerastri sono piccoli ed accessori, e ripe-
tono forme note.

1, 2. Due ciotole a doppia ansa (fig. 93); alte
mm. 100.

3. Ciotola simile, ma con anse orizzontali, che le
danno aspetto di kylix ; alt. mm. 95.

4. Piccola conca semiovoidale con tre sporgenze
presso l'orlo; alt. mm. 110.

5. Anforetta a bulla con doppia ansa a nastro e
col solito ornamento della doppia spirale (fig. 103) ;
alt. mm. 115.

6. Grande olla a copertura rossa con corpo striato ;
alt. mm. 273, diam. all'orlo min. 200.

7. Sostegno con piede a più ordini di trafori e con
due grandi bulle ; alt. mm. 750. È rappresentato nella
fig. 106.

8. 9. Sostegno più piccolo con proprio cratere, no-
tevoli ambedue per la copertura rossa perfettamente
conservata; alt. 335.

10. Cratere a copertura biancastra, con traccie di
decorazione geometrica in rosso; alt. mm. 174, diam.
mm. 280. Nel luogo delle anse furono aggiunte quat-
tro teste di grifi modellate assai rozzamente. E rap-
presentato nella fig. 126.

D

Sepolcreto di Monte lo Greco.

Vi si scoprirono ventuno tombe, alcune a pozzo, ed
altre a fosse semplici od a fosse con loculo di cor-
redo, come è rappresentato nella pianta che qui si ag-
giunge (fig. 188).

Tombe 1-4. La prima e la terza erano semplici
fosse ; la seconda un pozzo a pianta rettangolare ; la
quarta una fossa con loculo di corredo, e tutte erano
state spogliate in antico, per cui vi si riconobbero
soltanto i segni della devastazione. Vi si raccolsero
alcuni frammenti di pasta vitrea e di ambra, di forme
comunissime, appartenenti a monili. Soltanto nella
prima rimanevano i pezzi del sarcofago di tufo.

Tomba 5. Fossa rettangolare con avanzi della
cassa di legno (fig. 51); profonda m. 2,00, lunga
m. 2,35, larga m. 1,20. Nello spazio occupato dalla
cassa si raccolsero venti fibule, alcune etnische, altre
a navicella, inoltre un tubetto fusiforme in bronzo
ed un ago crinale. A capo ed a piedi della cassa gia-
cevano cinque vasi d'impasto nerastro e tre a coper-
tura rossa, cioè: attingitoi (fig. 91, 92), tazze su alto
piede (fig. 79), e tazze a doppia ansa (fig. 93), infine
un'olla ed un sostegno di tipo comune.

Tombe 6-9. Una fossa semplice (n. 6) e tre fosse
con loculo pel vasellame di corredo (n. 7, 8, 9). Di tutte
solo la settima, profonda m. 1,80, lunga m. 2,70,
larga m. 1,55, non era stata esplorata totalmente in
antico. Il cadavere vi era stato deposto in una cassa
di legno, e nello spazio da essa occupato si raccolsero
globetti e pendagli di vetro e di ambra per monili, ed
una conocchia di b.onzo a due branche (tav. XII, fig. 8).
11 vasellame di corredo era stato tutto portato via
in età non lontana da scavatori che esplorarono so-
lamente il loculo, lasciandovi uu attingitoio (fig. 92),
una tazza a due anse (fig. 93), ed un piattello rozzo.

Tombe 10-13. Tre pozzetti (fig. 40, 41) ed una

fossa semplice con pezzi del sarcofago di tufo a tetto
testudinato (fig. 52).
loading ...