Venuti, Ridolfino
Accurata e succinta descrizione topografica delle antichità di Roma (Band 1) — Rom, 1803 [Cicognara, 3906-1]

Page: 179
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/venuti1803bd1/0267
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile


c M A.

iererno in . .
l'esercizi0 ^
maggiore

° e ocelli,

dell'i

11 <

(astri

:a ,flssi,j f«.i„;

"'""Vi.

rJaminio Vacca fi;
30 » e terra cotta,,
«tclJo. IJ Signora
iiche, che si m

eg'j v' ha vedutele»^
de'fondarnec;.
e con probabilità,£

indicate daMo,*

si trovò 20 palmi):

Succusm, che ;::.

Cafnt Affriat, fa

so, ove abitavano,,

i Pedagogi. Dai!.

una privata casa,:

e nell'ingresso k

o il rimanente;?:;

uestc vicinanze ne;:

zio, le figure del ?

jre Cassianodelte

a Biblioteca Alta".

AVO

io.

e Marcellino > £
detto Valle C

Par te I. Capo Vili. 179

su l'Esquiìino. In quesca parte il Signor Piranesi non vi rico-
nosce altri avanzi d'antichità, se non gli Aquedotti dell'Acqua
Claudia, e alcuni residui della Casa di M.Aurelio nelle Vigne
di S. Giovanni Laterano, Mandosi, e Casina : qui dicono fosse
trovata la Statua Equestre di bronzo di questo imperatore, che,
ora si ammira nella Piazza del Campidoglio. A questa aggiun-
ge il Battisterio denominato di Costantino , fabbrica de' tempi
bassi, fatta con le spoglie della Casa dei Laterani , dentro ia
di lei antica estensione , e rimodernata dai Sommi Pontefici ;
Ed in fatti dietro al Battisterio si vedono alcuni maggiori avan-
zi di questo Palazzo » che occupava una gran parte della Basi-
lica di S. Giovanni . Nel cavarsi i fondamenti delia moderna
facciata della Basilica, vi si osservarono una parte de'fondamen.-
.. ti del detto Palazzo, delle stanze, de'labri, e de'tubi di pioni?
bo appartenenti ai di lei privati bagni . Nella Sagristia della
Basilica, in alcuni tubi di piombo, in uno leggesi SEXTI . LA-
TERANI, e nell'altro TORQVATI. ET. LATERANI. Crede
il Nardini, che il Palazzo avesse la sua principal facciata verso
il Campo Marzo, o Celimontano, e lo crede distrutto da Ta-
rila, o da Belisario. Racconta Flaminio Vacca (1) , che sotto
il Pontificato di Pio IV , volendosi abbassare un certo rialto in-
nanzi al Coro , si scoprirono tre nicchie assai grandi, una accan-
to all'altra : avevano il pavimento di serpentini , e di porfidi,
con altri marmi mischi, e sotto altro pavimento circa sei pal-
mi più basso, il che dimostrava essere questa un'antica, e no-
bile fabbrica; il che vien confermato dal Biondo (2), che as-
serisce essersi trovate nel Laterano al suo tempo camere , e pre-
ziose colonne ; come nel Pontificato di Clemente XII sotto la
facciata, e ne'fondamenti della Cappella Corsini, non pochi
busti, are, e preziosi marmi. In queste vicinanze fu trovatala
celebre Legge Regia di metallo , che conservasi presentemente
nel Museo Capitolino . Le Colonne di porfido , che sono al Bat- Col. X.
tisterio, erano di questo Palazzo, come quelle, che sono nel
muro verso la Sagristia , e che sostengono un pezzo di fregio,
e di cornice antica . Si vuole , che questo Palazzo appartenes-
se a quel Plauzio Laterano, che della gran congiura contro Ne-
rone fu uno dei Capi, secondo Tacito (3); e Giovenale (Spar-
la di questa Casa. Del Campo
Il Campo Celimontano , e il Campo Marzo, o Marziale, Ruf- Marzio, e
fo li situa nella II Regione , cioè nel Celio , e dubito , che 1' uno e Célimonta-

Z 2 l'ai- no .

(1) Mem. di Rom, (2) Rom. Ricerc. (j) Lib. tv. (4) Sat. x.







i*-3to**-
loading ...