De Rossi, Giovanni Battista
La Roma sotterranea cristiana (Band 3, Text) — Rom, 1877

Page: 719
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/derossi1877/0745
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
719 —

CORREZIONI E AGGIUNTE

p. 22. Della santa Sotere della via Aurelia, vicina di sepoltura a s. Pancrazio, la cui notizia ho tratto dal codice
di Berna del martirologio geronimiano, il corpo nel secolo XV era tuttora venerato appunto nella basilica di
s. Pancrazio. Se ne legge la menzione espressa nelle prime stampe delle Mirabilia Urbis Bomae: eccone le
parole secondo le edizioni di Roma degli anni 1499, 1500, 1509: sub altari quod est in medio ecclesie
(s. Pancratii) . . . corpus sancle Solheris virginis.

p. 44. Nella tav. IV il disegnatore ha dimenticato di indicare nella sezione il grande loculo sopra il principale
arcosolio, appellato dei cinque santi, che si vede di fronte nella tav. I-II.

p. 73. Nella lapide pagana dell'anno 216 segata per chiudere un loculo, oltre la data consolare dell'ultima linea,
rimangono vestigia delle lettere della penultima, che non ero riuscito mai a leggere né restituire. Il sig.
avv. G. Gatti, sagacissimo epigrafista, quivi ha letto e giustamente supplito: paedagogi A CAPVT AFRICA e.
» Presso la porta della cripta appellata delle pecorelle sulla calce d'un loculo è scritto:

DON
A TI A

NVS

» La lapide pagana segata per chiudere un loculo, accennata alla fine della pagina, ha le lettere seguenti:

0 x.

KAAYjòNw......

TA1COJ...........

MNIAG yacpm
THAG azcpog.

eno'W

p. 82, lin. 9, 10. L'incerto dipinto è stato lavato e alquanto scoperto dalla nota arte del sig. abate Malvezzi.
Sono apparse due colonne laterali al pastore; in quella a destra di chi guarda, la parte inferiore è conservata
ed era adorna di scanalature o fasce spirali, che davano la falsa apparenza d'un vaso.

p. 93 nota 1. Nel sigillo doliare le parole EX ■ OFIC- debbono essere trasferite dal principio alla fine della linea.

p. 98 e segg. Nel tratto dalla regione di s. Eusebio a tutta l'area prima di santa Sotere non ho tenuto conto
delle lapidi pagane; attesa la molta mescolanza di pietre estranee al sotterraneo colà precipitate dai lucernari.
Alcune però di quelle lapidi pagane avrebbero dovuto essere registrate, perchè dalle vestigia della calce
apparisce, che furono tagliate per servire nel cimitero a chiudere i loculi. Sono le seguenti: la prima è tavola
lusoria con supplemento congetturale, di rarissima forinola.

veloci
laudes

lusori
PACATE:

k NIVS • P-L-CHAJ
ÌS-P-P -L-PHILOGJ

dicifE t/OSj ROMANI^

corona

D • M
T • GALERIVS

TIBVRTIVS
FECIT • FILIO

foLLXXV ET IN • PRj

Arte • sinisteriorem •>
joll- xii • pontiorvj
loading ...