Universitätsbibliothek HeidelbergUniversitätsbibliothek Heidelberg
Metadaten

Kunsthistorische Sammlungen des Allerhöchsten Kaiserhauses <Wien> [Editor]
Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen des Allerhöchsten Kaiserhauses (ab 1919 Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien) — 16.1895

DOI issue:
II. Theil: Quellen zur Geschichte der kaiserlichen Haussammlungen und der Kunstbestrebungen des Allerdurchlauchtigsten Erzhauses
DOI article:
Davari, Stefano: Urkunden und Inventare aus dem Archivio Storico Gonzaga zu Mantua
DOI Page / Citation link: 
https://doi.org/10.11588/diglit.5778#0698
Overview
loading ...
Facsimile
0.5
1 cm
facsimile
Scroll
OCR fulltext
CCII

Archivio Storico Gonzaga zu Mantua.

geria con un grandissimo cuore di far il mio Obligo, et
potere nella chiesa di vostra alteza; la cativa sorte
fecce che la mia mooglie viense amalata et io sortii del'-
Isola, et lasciai la mia roba, acciö mi fosse mandata con
barca a Vienna; dopoi cinque mesi, ricevei la mia roba
con la disgratia che nel viaggio si bagnö una casa che
aveva dentro Ii miei studij et altro con perdita a me
grave; e di piü speravo di humilmente baciar le manni
di vostra alteza in Vienna, et hessere impiegato. AI
presente e 1' istate e mi ritrovo sicut terrat et in prin-
cipium, spero che vostra alteza remedierä a tutto il
male, a suo tempo. Io non importuno vostra alteza
con altre raggioni ne disgrattie, perche vedo non hes-
sere il tempo oportuno. Nel viaggio d' Ongeria non ö
avuto pure un soldo dal signor intendente, dicendomi
non aver dinari. Nel l'Isola son statto loggiato in casa
del signor la Bruna, et Ii ö costato meno di doi fiorini
perche il signor intendente aveva dato ordine di darmi
quello che io dimandavo. Nel invernata pasata a
Vienna io ö fatto doi pezzi di lambri per causa della
mancanza della stuffa. Quanto alli altri pezzi si a re-
mediato benne. Quanto alla porta della camera che ö
dipinto et la finestra del cabineto io so molto benne
che vostra alteza volle a fondo d'orro. Con tutto ciö
non ö ardito di d'intraprendere niente senza posetivo
ordine di vostra alteza. Se per 1' avenire mi ariverä
fortunati comandi di vostra alteza, con grandissimo
cuore mi aplicherö di hessequirli. AI presente non ö
nisun impiego, sollo che io disegno sopra carta re-
beschi et fiori per sua alteza, suo fratello, che ä da
servire per un letto che vuol far fare a Pariggi; ne
stata fatta una coltrina e cosi bisogna componere il re-
sto et ö la fortuna di hessere piaciuto da sua alteza.
AI presente resterö con speranza di hessere consolato
dalla benignitä di vostra alteza e sequitare di pregar
i Dio per la conservatione et salute di vostra alteza
con il sequito delle felicissime et sante feste di Resu-
reccione et doplicatte glorie et trionfi sopra l'inimici.
— Li 5 aprille 1702, Vienna. — Di vostra alteza il
piu humile delli suoi servidori Fachineti, pictor.

Eigenhändig geschriebenes und unterschriebenes Orig. Pap.,
dessen die Adresse tragendes Umschlagblatt fehlt, E. II. 3.

1402?' 1702 April 22, Wien.

Johann Lucas Hildebrand schreibt an Herzog
Carlo IV. von Mantua:

Screnissimo signore. Non mi sono stati consig-
nati i dissegni, de quali l'altezza vostra mi havisa ha-
vermi trasmesso, et havendoli cercati alla posta, e dal
signor Benedetti non ne trovo il conto; forsi saranno
costi rimasti, e con prima occasione poträ l'altezza vo-
stra haver la bontä d' ordinär che mi si trasmettino,

acciö secondo il pensiere rissoluto deH'ali possa in
tempo pensar alla forma del giardino, quäle se sarä
possibile 1' autuno venturo se ne dovrä farsi il pianta-
mento; et ho giä pensato che debba esser in maniera
che con facilitä possa mantenersi per anche vietar le
spese superflue, e poträ in tanto l'altezza vostra farmi
intender le sue iddie che secondo quelle ancora procu-
rerö di comporre qualche cosa di gusto.

Circa la facciata 1' altezza vostra desidera sapere
quäle delle due sarä di meno spesa. Non posso in
questo risponderle a tuono, mentre il dessegno, che
l'altezza vostra ha visto ne mostra solamente la mitä
della parte sinistra, et alla destra vi e il profilo, che fa
vedere la mitä dell'interiore con l'altezze delle stanze
e sala, e questa sala la dimostra in due maniere, la pri-
ma in forma d'altana, ossia loggia scoperta con statue,
l'altra poi coperta in modo di cuppola, e questa
quando si coprisse con rame, piombo, o lama bianca
all'hora sarebbe di piü spesa dell'altra, ma coprendola
di fachscindel sarä di meno spesa assai, ma non di
quella durata che si dovrebbe. Quella poi a modo d'al-
tana in primo luogo non vi e bisogno di gran legname
per il tetto; in secondo luogo la balaustrata si poträ
far di muro, ma bensi coperta con le sue pietre, il di
dentro di essa riuscirebbe piü luminoso per le gran fi-
nestre che vengono sotto la cornice, oltre poi la pro-
portione bella, che piglia; perö l'altezza vostra veda
come piü gli agrada d'esser servito, ch'io la farö riu-
scir di buon gusto, sia in una, quanto nell'altra ma-
niera. Quant' all' ornamenti, che sijno superflui in una
casa di campagna e vero, sijno donque per abellimento
del dissegno, in opra poi si potranno tralasciare, o
sminuire seecondo il genio dell'altezza vostra.

Per via del giardino in Vienna ne ho subito preso
la total pianta per meglio osservar il tutt' assieme, e
giä 1' altezza vostra sa, che sin di due anni sono si
osservö il diflfetto della prima terazza, che per l'abbon-
danza della terra che si trova nella seeconda si disse
esser impossibile il poterla ingrandire per non aver
luogo da porre detta terra. Adesso perö trovo, che
tal giardino di sua eccellenza il signor principe di
Mansfcldt questa farebbe a proposito, cioe la piü cat-
tiva, per servirci in quello di vostra altezza della me-
glio. Adesso la difficoltä sarä in vedere, quando perö
l'altezza vostra se ne compiacerä, chi dovrä far fare
detto trasporto. Io vedrö dimani di parlarli, e sentirö
ciö che risponde, e con il primo ordinario ne darö parte
all' altezza vostra a cui humilmente m' inchino. —
Vienna Ii 22 aprile 1702. — Di vostra altezza serenis-
sima humilissimo e devotissimo servo Giovanni Lucca
Ildebrando.

Eigenhändig geschriebenes und unterschriebenes Orig. Pap.,
dessen die Adresse tragendes Umschlagblatt fehlt. E. II. 3.
 
Annotationen