Kunsthistorische Sammlungen des Allerhöchsten Kaiserhauses <Wien> [Editor]
Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen des Allerhöchsten Kaiserhauses (ab 1919 Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien) — 16.1895

Page: CLXXXVII
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/jbksak1895/0683
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
URKUNDEN UND INVENTARE

AUS DEM

ARCHIVIO STORICO GONZAGA ZU MANTUA,

HERAUSGEGEBEN VON

STEFANO DAVARI.

13993 I^34 September Ii, Landshut.

Herzog Ludwig von Bayern-Landshut schreibt an
Herzog Federigo von Mantua:

Illustrissimo et eccellentissimo signore parente,
quanto fratello honoratissimo. Alli giorni passati retornö
da vostra eccellenza Joanne Frieshamer, mio cameriere, et
mi presentö una sua littera insieme con Ii cavalli, strutio
et altri molto honorevoli e regij presenti, Ii quali vera-
mente tanto mi sono stati accetti, quanto ne dire ne
scrivere mai seria possibile. Donde meritamente et in-
finite volte la rengracio, offerendomi all'incontro, es-
sendo cosa di questo mondo in mia facultä, della quäle
vostra illustrissima signoria si possi servire, di volergli
volentieri et con gratissimo e promptissimo animo in
ogni tempo participare. Alla quäle mando per il pre-
sente latore, mio depentore, tre horologij di tre diverse
sorte insieme con un par de maniche de malia della
piü fina, et benche il dono sia assai picholo, nien-
tedimeno essendoli mandato da un suo parente et per-
fectissimo fratello, perö se degnarä di accetarlo volen-
tieri. Et perche il prefato mio servitore e molto
desideroso di vedere et imparare el modo del depen-
zere italiano, havendo specialmente inteso vostra illu-
strissima signoria havere un depentore di rara et eximia
excellentia, pertanto mi ha supplicato ad volerlogli re-
comandare. Per il che la priego charamente si volgi
dignare dare commissione a esso suo depentore, di
voler havere recomandato el preditto mio depentore in
monstrarli et insegnarli in qualche parte la maniera e
disciplina della depentura italiana, et in questo mi farä
cosa gratissima. ... — Datum in Landshuet alli n di
septembre 1534. — Vester bonus frater Ludovicus,
utriusque Bavarie, dux, manu propria.

Orig. Pap. mit der eigenhändigen Unterschrift und dem aussen
in Papier aufgedrückten Siegel des Ausstellers, E. IV. 2a.

13994 l56l October 1.

Inventar der Geschenke Herzogs Guglielmo von
Mantua an seine Gemahlin Eleonore, Tochter Kaisers
Ferdinand I.:

Gioie dell' illustrissimo et eccelentissimo signor
duca nostro di Mantova, quäle sua eccellenza da a sua
altezza da godere et usare.

Primo una Corona de lapis grossi de n°"6i cum
nove segni de serafini d' oro.

Una Corona de lapis tagliati a vida de n° 53
cum segni sette d'or, lavorati a vida, cum tramezini
d' oro.

Una Corona de lapis tondi de n° 57 cum segni
Otto d' oro batuto, smaltati alla francesa, cum trame-
zini d' oro.

Una Corona de lapis schicij a foggia di lenta de
n° 63, segnata cum nove segni d' oro, fatti a serafini e
tramezata d' oro, cum una croce de lapis atacata.

Una Corona de lapis schicij alla medema foggia,
segnata cum otto tavolette d'oro e tramezata d'oro.

Dui brazaletti de cinque lapis a foggia de vasetti,
forniti d' oro batuto per ciaschuno.

Otto paternostri de lapis a vida.

Una Corona de agate grosse e tonde de n° 63 cum
nove segni d'oro fatti a corni de divicia, tramezata
d'oro cum in fundo uno cameo cum nostro signor
Yesu Cristo in croce, legato in oro cum litere dal re-
verso, che dicono: »Mundi salus«.

Un altra Corona de agate tonde, minore delle su-
dette, de n° 63 cum nove segni d'oro, tramezata d'oro
cum una tavoletta de agata in fundo legata in oro,
nella quäle e intagliato l'Anuntiata.

Sette segni longhi d' agata.

Quindeci paternostri de agata, tagliati a vida.

Una Corona de amatisti bianchi, tagliati a facette,
de n° 63 cum otto tavolette d' or col nome de nostro
signor Yesü Cristo, tramezata d'oro.

Una Corona de cristali bianchi de n° 51, tagliati
a melloni, cum sette segni d'oro fatti a tronchi, tra-
mezata d'oro.

Una Corona de amatisti bianchi picoli, segnata e
tramezata d' oro.

Vinti sei amatisti bianchi, tagliati a facette.

Vinti sei cristali bianchi, tagliati a vasetti.

Una corona de lapis picoli, segnata e tramezata
d' oro.

Una corona de corniole schicie de n° cento cum
undece segni d' oro alla francesa, cum picoli tramezini
d' oro cum uno tondo in fundo de corniole, cum uno
santo Giovanni da una banda et litere da 1' altra.

y*
loading ...