Scamozzi, Vincenzo
L' Idea Della Architettvra Vniversale: Diuisa in X. Libri (Band 2): Dell'Esqvisitezza De' Cinqve Ordini. E de loro Colonnati, Archi, Modo: nature pi regolate: e delle Materie conuencuoli all'edificare — Venetia, 1615 [Cicognara, 651]

Page: 173
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/scamozzi1615bd2/0189
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
ti

*i

et

h





I



mti <//j
ò
smistai
g// Ai

ite HI

ttationt dm
e dtmÀk
nelk corte
o in Mjlii
• pompa sifa
nociìinM
ìefot^

^

##

#

173


DELL' IDEA








CHITETTVRA
V N I V E R S A LE

D I



ZO SC AMO ZZI

VI
ARCHITETTO VENETO. \
PARTE SECONDA, LIBRO SETTIMO


CHE LE MATÈRIE SI CONSIT>E RzANO
diuer/l modi : e la natura le sece 3 acciò fé ne pofsiamo seruire con
giudicio, e quanto l (iArchitetto dee ejfer intendente
di e/se. Capo l.
Or a che lodato Iddio siàmo ispediti da trattare di tutti i Generi , e specie de
gli edisici antichi , e moderni j così (acri, come secolari , e delle loro parti conue-
neuoli, e parimente de gli ordini,& ornamenti, che sé le conuengono: tutte cose,
che aspettano alla specuiatione delle forme. Peròentrarono à ragionare delle ,
materie, che sono più proprie all'Europa, & ad altri Paesì con termini alla nostra.
Italia : e molto conueneuoli alla costruttione de gli edifìci , & ornamentiJequali
furono vsate da gli antichi ; & in particolar di quelle, che per diligenza , e studio
50 sono peruenute alia nostra tognitione,non tralasciando né anco punto quelle , e hanno del prestante,e
marauiglioso più dell'altro.
E necessar!io,( come dice anco Vitruuio,) che l'Architetto sappia la generatione, e natura, libro 2:
emistioncin genere ,& in specie, e la temperatura più, e meno delle materie > e massime delle princi- caP"
palile più atte alla costruttione de gli edifìci: evadi filo sofando per conoseer, e saper le cause dello.,
loro qualità, & effetti, come egli attesta con queste parole. Quantum animo considerarìpotuide copijs, libro z.1
qu<zfunt ne ce (fari a in adificiorum comparationibus, e poco dopò ; vti nonfint ignota ddificantibus expo fui; ^aP*l °4
àccio possì disporle à parte à parte,e con ragione nelle fondamente, e nelle mura, ò per gli ornamenti ►
dentro, e fuori, e non confonda l'vna specie con l'altra : e di tutte queste cose sarà anco il ragionamene


to nostro.

Q_

R I*
loading ...