Vitruvius; Galiani, Berardo [Transl.]
L' Architettura Di M. Vitruvio Pollione — Napoli, 1758 [Cicognara, 733]

Page: 43
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/vitruvius1758/0083
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
LIBRO I. 43
so al mare , il siiolo proprio per situarvi il Foro , si sceglierà vicino^^^*
al porto : ma se sarà dentro terra , sarà nel mezzo della Città .
Per gl1 edificj siacri , e specialmente degli Dei tutelari , o di Gio-
ve, o di Giunone, o di Minerva , dee Icegliersi il luogo il più emi-
nente, da cui si scuopra la maggior parte delle mura : a Mercurio nel
Foro, o pure , come anche a Iside, e a Serapide, nell’ Emporio : ad A-
pollo, e a Bacco, presiò al Teatro: ad Ercole, quando non vi fosse-
ro nè Ginnasj ?Anfiteatri, presiò al Circo : a Marte fuori della Cit-
ta^ specialmente presiò il Campo: a Venere fuori della Porta. Que-
llo si trova fin anche fiabilito negl’ insegnamenti dell’ aruspicina E-
trusca, che i Tempj, cioè di Venere , Vulcano , e Marte si abbiano
ad alzare fuori delle mura, e quello, acciocché non si familiarizzi den-
tro la Città co’giovani, e colle madri di famiglia la libidine venerea:
e tenendo lontana dalle mura la potenza di Vulcano colle preghiere,
e co’sagrificj, restino le abitazioni libere dal timore d’incendio. La Dei-
tà di Marte essèndo adorata fuori della Città, non vi sarà guerra ci-
vile; ma anzi sarà quella difesa da’nimici,e dal pericolo della guerra:
a Cerere anche si destina un luogo fuori della Città , ove gli Uomi-
ni non posiàno andarvi sempre, ma solo quando occorrerà per gli sa-
grificj , e ciò perchè questo luogo si deve custodire con iscrupolosa ca-
rità , e santità di costumi : agli altri Dei tutti debbono ergerli Tem-
pj in luoghi comodi per gli sagrificj1. «
Della maniera di edificare i Tempj , e della loro simmetria ne
darò nel terzo, e quarto libro le regole : perchè nel secondo mi è pa- ,
ruto meglio trattare prima de’ materiali, che debbono prepararti per
gli edificj, esponendo quali sieno le loro proprietà,ed il loro uso; ed
indi partitamente in ciascun libro andar trattando della simmetria de-
gli edificj, e degli ordini, e d’ogni specie di proporzione .
sare. E molti altri Tempj di Dei malefici era- zia ec. ; alcuni particolarmente , perchè erano fila-
no dentro la Città , come quei della Febbre , ri , ma poi negli allargamenti delle mura della
di Vulcano , della Mala Fortuna, della Pigri- Città vennero ad esser chiusi dentro.

FINE DEL LIBRO PRIMO.


F a
loading ...