Bullettino archeologico Napoletano — 4.1845-1846

Seite: 104
DOI Heft: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1845_1846/0110
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
t

io4

appunto syà tipi FIÀN. Nè sarebbe fuor di luogo Abbiamo dunque menzione di nn novello fabbricanle

pensare alla Dea Fauna , alla quale altribuivasi una di vasi Stallo, se pure non vogliam dire Slatta

proConda intelligenza : vedi il Gerhard del dio Fatino Te* , ove si supponga che una lcllera sola vi manchi.

p.7 e le note, non che il dottissimo p. Giampietro Secchi Notevole è la particolarità che si esprima sul monumento

negli annali dell' Istituto voi. Vili pag. 76 e seg. e dopo il nome dell' artefice la voce è'pyov , la quale per

p. 93 e seg. Giulio Minervinì. quanto è frequente negli scrittori, ne' monumenti suole

il più delle volte tacersi : anzi non mi sovviene di averla

Notizia di un vaso con greca iscrizione. giammai incontrata su' vasi, ne' quali è poi frequentis-
simo rinvenire nomi di artisti seguiti dal verbo eVoity

Vedemmo presso il sig. Raffaele Barone un vasel- oev , ovver iypoi.-l.sv, secondo che trattasi di figulo , o

lino proveniente da Basilicata di grossolano lavoro , di pittore. Sembra da confrontarsi coli' è'pyov del no-

dipinto tutto di nero, se non che poco al di sotto del- stro vaso una patera trovata a Ceri nella quale dopo il

l'orlo scorgesi ornamento di ovoli rozzamente graffiti, nome dell'artefice par che si legga, il verbo sipyoJ£sTQ,

L' altezza di questo vaso a due manichi e della forma come ha conghietturato il eh. sig. Raoul-Rochelte nel

del canlharos è 0 , 20. journ. des savants i8^3 pag. i84 cf. lettre, à m.

Ma quello che forma il pregio di questo importante Schom pag. 34 not. 2 sec. ediz. Sopra altra specie
monumento è una iscrizione gradita , che leggesi lungo di monumenti occorre assai spesso nel genitivo il nome
il corpo del vaso estendendosi dall'uno all'altro manico, dell' artefice , rimanendo anche talvolta qualche dub-
ed essendo da entrambi limitata ; per modo che incon- bio se si esprima il nome del possessore : vedi il eh.
trando la prominenza del manico destro che impediva Franz eleni, epigr. gr. pag. 343 e seg. , e quel che
di continuare lo scrittore ebbe necessità di segnare al di dicemmo noi stessi in questo bullettino pag. 22.
sopra 1' ultima letteraj per la quale non vi era spazio. Tornando alla nostra iscrizione osservo che nella se-
La epigrafe è la seguente, e può vedersene ancora il conda parte di essa dicesi che di quel vaso si facea dono
facsimile nella tav.IV n.6 di questo an.IV del bulletl. a Cloalo KXoCoirc» Sapov.

ZTATI . . EPrONKAOEATjQlAftPON

Non vorrei giudicare se si tratti di regalo fatto ad
uom vivente , ovvero di funebre dono, al che maggior-

Sembra che dopo STATI siavi luogo per una sola mente inclino. In questa ultima ipotesi sarebbe Cloalo

lettera piuttosto che per due , essendo in tal sito una il nome del defunto.

piccola frattura del vaso : è però chiaro che sia da rav- Comunque sia , chiudiamo queste nostre brevi osser-
vare in questa prima parola un nome proprio al geni- vazioni coli' avvertire che i nomi quantunque forse po-
tivo dipendente dal sustantivo è'pyov , che segue. trebberò prestarsi ad una greca derivazione , ci sem-

Vien dopo altro nome proprio , che legger deesi a brano piuttosto indigeni delle nostre regioni. E certa-

parer nostro KXoairt» dovendo il carattere C ritenersi mente tale si mostra quello di Slatio , e tale ancora

per un digamma, piuttosto che per un S , che veggia- ci sembra quello di Cloalo o Clovato , che richiama

ino diversamente segnato nel principio della medesima spontaneamente la gente Cloatia o Clovalia, come

nostra iscrizione. • non ha guari incontrossi in una pompejana iscrizione,

Sicché divideremo in tal guisa : pubblicata nell'anno III di questo bullettino pag. 86.

SrstTtou è'pyov. KXoL'ara> l&pov. Giulio Minervini.

(Al presente numero va unita la tav. IF incisa in rame).

Stamperia TRAMATER — Prezzo di ogni foglio di stampa gr. 6; di ogni tavola in rame gr. 17.
Presso l'editore strada selle dolori n.° 26, il sig. Mori salita studii n.° 27, il sig. Raffaele Barone
strada studii n.° so, ed il sig. Raffaele Rondinelli largo S. Ferdinando n. 3.
loading ...