Rosellini, Ippolito
I monumenti dell'Egitto e della Nubia (Band 3,1): Monumenti del culto — Pisa, 1844

Page: 37
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/rosellini1844bd3_1/0039
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
vùtorioi

'a: discor.

tizia) che
^ amalo,

APPROVA-

igeilo (i

vone (2),
nori pre-
leità: ma
orus che
emmo la
egina (3),
hent, di-
rus sigriO'
lei paese
ih ( ordi-
ste le tre
ibia ; più
quella di

4).

tiene nelle
noderare e
0 è £KK,

UI XlCJt

CAPITOLO TERZO

MONUMENTI D IBRIM, DI DERRY, E DI AMADA

-Q-_--------

§. 1. Dei quatfro tempietti o tabernacoli d'ihrìm*

Dcendendo il Nilo per poco meno d'una giornata
di navigazione, si viene a quel sito della sponda
orientale che gli Arabi , corrompendone il nome
degli antichi geografi Primis, chiamarono Ibrim.
La cresta del monte si mostra in distanza con le
sue rovine dell'antico borgo, tra le quali sorge
una rocca di costruzione araba, fatta fabbricare,
per quanto dicevasi, dal sultano Selim. Ma essa
ha caratteri almeno di fondazione romana, e forse
tolemaica (1).

Nel più basso pendìo del monte medesimo sono
cavati a diverse altezze quattro tempietti o piccoli
spechi ciascuno dei quali reca sull'architrave e
stipiti della porta l'indicazione dell'autore e del-

(1) Veggasi il §. 2 del seg. Cap. iv.
t. 1.

3
loading ...