Rosellini, Ippolito
I monumenti dell'Egitto e della Nubia (Band 3,1): Monumenti del culto — Pisa, 1844

Page: 236
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/rosellini1844bd3_1/0238
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
CAPITOLO SECONDO

EDFU .* EL-KAB, ( ELETHIA ) : ESNEH : ERMENT.

§. i. Tempio maggiore di Edfu ( Apollinopolis Magna).
Sua descrizione sommaria. — Fu sacro a Har-Hat,
che significa V Horus di Edfu. E una forma divina
che s'identifica con Phré; quindi i Greci lo dissero
Apollo. — Dodici Bari scolpite negli architravi del
pronao, e rappresentanti il cammino del Sole nelle
dodici ore del giorno. —- Due Bari, una che signi-
fica il Sole oriente, Valtra che appartiene alla Luna.
Altre tre simboleggianti Phrè orientale, una delle
quali è tratta dal tempio di Ombos. — Forma di
Har-Hat che ha per tipo lo Sparviere. — Questo
gran tempio è opera di sei re Lagidi successivi, da
Filopatore ad Alessandro II. — Vi si adorava una
triade composta di Har-Hat di Athyr e del figlio
Har-sont-to. — Indizio che questo tempio è una
restituzione fatta dai Tolomei di un monumento fa-
raonico consacrato allo stesso culto.

Alcune ore di navigazione a seconda del fiume
conducono da Silsilis a quella pianura della spon-
da occidentale, ove ora un miserabil villaggio ara-
bo occupa il luogo di una cospicua città antica che
i Greci chiamaronotÀpolMnapoli la Grande, Mo-

* i4 **
loading ...