Bullettino di archeologia cristiana — 2.Ser.2.1871

Page: 64
DOI issue: DOI article: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bacr1871/0065
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
64

BULLETTINO

del secolo quarto 1' uso delle sacre immagini era quivi raro e
dalla chiesa gerosolimitana non ancora adottato.

L'illustrazione della basilica esquilina di G-iunio Basso mi
ha invitato a questo episodio sui veli adorni di immagini cri-
stiane e sulle prime menzioni, che ne troviamo negli antichi
scrittori: tema forse nuovo o almeno non trattato di proposito
dagli archeologi. Tornando all'argomento, dal quale mi sono al-
quanto dilungato , chiudo il discorso sulla predetta basilica :
sembrandomi avere dichiarato in ogni sua parte un monumento
sì illustre e tanto poco e mal conosciuto ; il quale alla cri-
stiana storia ed archeologia per tanti capi appartiene , ed a
tanto varie e non ovvie ricerche mi ha aperto la via.

AVVERTENZA

Nel fascicolo precedente a pag. 7 ho citato un documento
inedito dell'archivio di s. Prassede dell'anno 998, che dà il
nome di massa Juliana al monastero di s. Andrea ad praesepe;
e di quella denominazione ho poi cercato per congettura l'ori-
gine dal cognome Julianus , Juliana assai adoperato dagli
Anicii, coi quali si fusero i Griunii Bassi. La predetta appella-
zione è veramente più antica del secolo decimo: imperocché già
nella vita di Leone III tra i monasteri ad praesepe è ricordato
quello di s. Andrea, quod appellatur massa Juliana '.

i Lib. poni, in Leone III § LXXVII ed. Vignoli T. II p. 290.
loading ...