Nardi, Luigi
Descrizione antiquario-architettonica con rami dell'Arco di Augusto, Ponte di Tiberio e Tempio Malatestiano di Rimino — Rimino, 1813 [Cicognara, 4053]

Page: 19
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/nardi1813/0019
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
io
CAPITOLO III.
Descriz-iojie architettonica deIVArco di Angusto.
i
MISURE DEI PILONI E DEL FORNICE: ESAME DELLA LORO STRUTTURA:
MEDAGLIE ED ALTRI ORNAMENTI .
I 1 Piano di quest'Arco è pochissimo sepolto, e ciò prova la perizia
di chi lo inalzò; poiché cercò, o secevi sotto, un luogo alto, onde
coli'andar dei secoli, e inalzarsi del suolo non avesse ad occultar-
sene alcuna parte.
Serviva quest'Arco sorse di porta alla Città (a), e ehi conosce
la grossezza ed il lavorio delle antiche Mura Romane, giudicherà
qual sosse la di lui rohustezza.
Il suo Massiccio è tutto di grossi pezzi di Travertino , ed am-
bedue le faccie ornate di colonne striate, e membri corrispondenti ;
ed in tal maniera è ornato, che, levate le colonne, e le altre loro par-
ti , V opera non resterebbe punto sprovveduta della sua robustezza .
Questo è veramente architettonico edifizio, in cui gli ornamenti di unr
opera, che era strumento principale della pubblica sicurezza, essendo
una porta della Città, non potessero, anche con la loro distruzione,
pregiudicare alla medesima.
Sulla destra pertanto, e sulla sinistra sorgono dal Piano (Tav. I)
due grossi piloni, circa la metà dei quali è impostato l'Arco, che co-
pre la regia strada, e sostiene una massiccia muraglia tanto alta, quan-
to forse bastava per uguagliare il recinto della Città. A questa solida
e liscia struttura stanno appoggiate le colonne di maniera Corintia ,
cioè una per parte nel mezzo dei piloni. Esse bau piedestallo, e sot-
to di questo v'è un zoceolo: hanno base, capitelli, e 1'ornamento lo-
ro : hanno srontespizio, e sovra questo doveva esservi un Attico, con
iscrizione, parte della quale ancora si legge, e statue equestri, come
vedesi nelle Medaglie (Tav. II). Ciò ch'io dico di una saccia dell'
Arco s'intenda pure dell'altra, perchè tutte due sono simili.
La sronte del destro pilone (Tav. I) è P.1 Sfc/t * i"; l'altra
del sinistro è P.1 StS'tii", ed il loro lato sotto il sornice è P.'iif-'tS"'.

( a ) Battaglila ìuog. cit.
loading ...