Nardi, Luigi
Descrizione antiquario-architettonica con rami dell'Arco di Augusto, Ponte di Tiberio e Tempio Malatestiano di Rimino — Rimino, 1813 [Cicognara, 4053]

Page: 50
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/nardi1813/0050
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
So
CAPITOLO XI.

Parte esterna del Famoso Tempio Malatestiano.

No

otì lia errato lungi dal vero chi ha assicurato essere il Tempio Ma-
latestiano nella sua facciata e sianchi tutti di marmo, il più bel pez-
zo d'Architettura, che s'inalzasse in Italia all'epoca del risorgimen-
to delle belle arti, degno del Principe che lo eresse, cioè Sigismondo
Malatesta Signore di Rimino, e del celebre artista, che lo disegnò,
Leonbattista Alberti ( a ), il cui nome soltanto forma ogni più giusto
e pieno elogio.
Egli è certo che questo Tempio forma l'epoca del perfetto risor-
gimento della regolata romana Architettura.
Nell'anno i45o era già il Tempio aperto al concorso dei forastieri,
che in occasione dell'anno santo portavansi a Roma, e nel fregio della
facciata vi fu incisa l'iscrizione, che vi si vede, del seguente tenore:
SIGISMVNDVS. PANDVLFVS. MALATESTA. PANDVLFI.F.V.(ò)
FECIT. ANNO. GRATIAE. MCCCGL.
Si servì Sigismondo di molti marmi che erano in Rimino, in Pa-
no, Savignano, ed altrove, e spogliò la Chiesa samosa di S. Apollina-
re di Classe-Fuori di Ravenna per adornare questa sua, la quale a-
veva destinata Cattedrale della Città ( e ), del qual onore **fà. fu sre-
giata che nell'anno 1809, e così furono adempite, benché tardi, le
brame del Malatesta, e fu eseguito il provvido consiglio di S. M. I. e
R. Napoleone, il quale ordinò in Venezia con decreto degli 8 Giugno
i8o5 questo traslocamene , onde più facilmente si conservasse una del-
le più belle fabbriche d'Europa.
Era prima il Tempio appellato di S. Francesco, ed ora assoluta-
mente il Duomo (d), ove risiede un amplissimo mitrato Capitolo,
possessore di un bell'Archivio di antiche pergamene.
Vedesi al pùmo aspetto preceduta da una larga piazza la mae-
stosa facciata del Tempio, eretta a guisa di arco trionfale, e divisata

( a ) Vedi il Vasari, di cui esiste in detto Tempio un quadro rappresentante San
Francesco da lui dipinto per questa Chiesa.
( b ) Quel V. significa Voto .
( e ) Battaglini della Vita e Fatti di Sigismondo Malatesta pag. 43x-
( d ) Il Duomo è attualmente, e su intitolato a S. Colomba anehe nei primitivi
tempi, come ho dimostrato con un libretto stampato nel i8o3.
loading ...