L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 12.1909

Page: 115
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1909/0155
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
NOTE SUL BERGOGNONE

115

vattari. E, d’altra parte, quel rivo d’antica ed elegante maniera lombarda che, sotto l’ap-
parente e superficiale imitazione leonardesca, continua ad alimentare anche le sue opere
dell’ultimo tempo, non ristà e si disperde in queste, ma si riversa poi e si rinnovella nel
Luini, che ad esse opere, ne’ suoi primordi, si attenne spesso e strettamente, per tornare
poi, come vedemmo, ad ispirarsi, nella sua Crocifissione di Lugano, ad una delle più in-
genue e, oseremmo dire, anti-leonardesche pitture del Bergognone. E all’ultima maniera di

Bergognone : La Pietà. Bergamo, Accademia Carrara

questo si riattacca pure, in parte, quella giovanile del Moretto. Non tutto, adunque, nel-
l’arte sua era logoro e caduco ; qualche buon germe pur v’era, degno di fruttificare ancora
e di perpetuarsi.

L’ultima opera nota e firmata dal maestro è la grande Assunzione di Brera, che reca
la data 1522. Nella vasta tela, che decorava l’altare della chiesa di Nerviano, tutto sembra
dire la stanchezza della fantasia e della mano dell’artefice. Sessantenne all’incirca doveva
essere il Bergognone quando condusse a compimento quest’ultima ancona; ma i corpi in-
loading ...