L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 12.1909

Page: 141
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1909/0181
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
NUOVI DOCUMENTI SU ANTONELLO GAGINL

141

colliri di ipso confitenti et non di li colliri di ipso mastro Laurenzo, et si colliri chi havissi misso
dicto mastro Laurenzo domandava li dinari ad ipso confitenti, et ipso confitenti chi li dava, et lu paga-
mento di la supraditta opra andava a cunto longo ad raschini di jornati, di la quali indi fu pagato di
la supradditta sunirna.

9. Item interrogetur sì ditto mastro Antonello fichi fari di ditto mastro Laurenzo un altro Cru-
chifixo, lu quali ditto mastro Laurenzo fichi di tuctu puntu, videlicet stampali, iunsi, colorili ad oglo
cum la sua crucili virdi invi rialzata e 111 titulu et la dilema Sgraffiata et la curuna di spini ingissati et
innaurati, et dicat et declaret quanto per dieta opera pagali a lu dicto mastro Laurenzo, et si per
banco oi contanti.

10. Eodem dicit quod sit, di la quali sopradicta opra prout intro ditto mastro Laurenzo indi fu
pagato parti per banco et parti in contanti, lu quali Cruchifìxo ditto mastro Laurenzo 111 fichi per
prezo accordato infra di loro per unzi due et tari XV, colurita et spachato di tutto punto, prout intra.

11. Item interrogetur si dicto mastro Antonellu fichi fari di lo dicto mastro Laurenzo dui Nostri
Donni, videlicet cum lu figlu in braza, et si qnilli ditto mastro Laurenzo stampati et iunsi insemi di
diversi pedi et dicat quantu dedi et pagati a lu ditto mastro Laurenzo per ditta opera.

12. Eodem dicit quod sit, di tucto fu pagato a cunto longo di jornata, perchi ipso mastro Lau-
renzo fachia servizi! cum ipso confitenti a jornata, declarando ipso confitenti chi foro dui mezi Nostri
Donni di menzo rilevo cum lu lìgio in braza di stucco, tantum li quali ipso magistro Laurenzo stampao,
et più fichi li mano di Nostra Donna et uno oi dui manu di lu pichirillo, a li quali si referixi, perchi
su in esseri, di la quali opra ditto mastro Laurenzo fu pagato, prout supra declaratum est.

13. Item interrogetur si ditto mastro Antonello fici fari de dicto mastro Laurenzo una Nostra
Donna, videlicet deorari et colorili de azolu et frixiari di subordenti ad oglo et di profili!, et tuttu lu
mantu siminatu di inborcatu cum lu so scannellu, la quali Nostra Donna era di marmora, di palmi
setti, et dicat et declaret quantu pagali a ditto mastro Laurenzo, per ditta opera.

14. Eodem dicit quod non, perchi ipso confitenti non si recorda haviri facto innaurari altra figura
di Nostra Donna di marmora di ipso mastro Laurenzo excepto quilla chi fichi ipso confitenti pe lu
munti di Trapani, la quali è di palmi quatro senza lu scannello, lu quali è menzo palmo, la quali
figura dicto mastro Laurenzo deaurao de oro et azolo, prout supra declaratum est in primo capitulo,
videlicet di lu oro et azolo di ipso confitents.

15. Item interrogetur si ditto mastro Antonellu fichi inaurari di lu dicto mastro Laurenzo circa
octo oi novi pezi di marmori grandi et picholi, et dicat et declaret quanto pagati per ditti pecii a ditto
mastro Laurenzo.

16. Eodem dicit quod non, nisi dui oi tri pezi et non tucti tri pezi innaurati per ipso ma in parti,
lu quali tabernaculo fu fatto fari per Pollina, et di la quali opra ditto mastro Laurenzo indi fu pagato
modo et forma quibus in primo capitulo continetur, et, in legendo ditta sculititione ipsi confitenti, melius
recordatus, dicit chi per li ditti tri pezi, in parte innaurati per ipso mastro Laurenzo, ipso confitenti
li detti chinco in sei tari, recordio ipsius confitenti.

17. Item interrogetur si ditto mastro Antonello fichi innaurari da lu ditto mastro Laurenzo una
jumenta di marmora cum li litteri di slitta ad oglu nigri, et dica quantu pagali per ditta opra, a ditto
mastro Laurenzo.

18. Eodem dicit quod sit, prout supra in primo capitulo dietimi est, et dicit, chi per ditta opra
ditto confitenti li detti quatru oi chinco tari, recordio ipsius confitelitis.

19. Item interrogetur, si ditto mastro Antonellu fici fari et stampali di lu ditto mastro Laurenzo
una Pietati grandi, colorili, ingissari dui volti, nirviari et facto fari tutto lu so bisogno magisteriu si
chi requidia, et dicat et declaret quantu pagali a lu ditto mastro Laurenzo per ditta opera.

20. Eodem dicit quod sit, videlicet chi ipso mastro Laurenzo stampao intro li stampi di lu dicto.
confitenti ditta Pietati, prout intra colorio, mgissao, unio certi lochi seu parti inclariri lochi di ipsa
Pietati, per causa di la colla lavia miso troppo forti, et quilla nerviao, et tucto lu bisogno magistero,
chi si requidia, veruni però cum lu adjuto di ipso confitenti in lo recovriri di li costuri et li senti
nienti (?) et colorili, et clini lu adiuto etiam di dui garzimi di ipso confitenti, videlicet in pistari nervi
et lu gissu, quillo pistari et cherniri et impastali stuccu et in altro adiuto, chi ci fu bisogno in fari
seu iungiri et stampali et nerviari ditta Pietati, di la quali opra seu fattura per sina a lu presenti ipso
confitenti nun havi fatto cunto cum ipso mastro Laurenzo. Veruni dicit chi ipso confitenti sempri suc-
curria di dinari ad ipso mastro Laurenzo, mentre fachia ditta opra et altra, et si di ditta opra ditto
mastro Laurenzo pretendi non di esseri satisfacto et pagato avrasi li jornati chi chi havi fatto, secundo
lu patto chi fichino infra loro, et pagasi.
loading ...