L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 12.1909

Page: 351
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1909/0393
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
MEMORIE DELLA CHIESA MEDIEVALE DI CIVITA LAVINIA 351

Esaminando nella chiesa attuale la volta della navata centrale a sesto acuto com-
presso, differentemente dalle altre volte a pieno centro, se ne può concludere che è tut-
tora formata dalle campate della chiesa romanica. Di fatto al suo fianco, nella soffitta, ho
potuto rintracciare i resti delle sette volticine a crociera (due per ogni singola della nave
di mezzo) che costituivano la navata orientale in tutta la estensione (fig. 2).

La costruzione di questa chiesa da villaggio, mancante della navata trasversale, da
quel che già si è detto, apparisce opera del tardo romanico, influenzato da quella fioritura
gotica cui diè luogo la presenza dei Cistercensi nella nostra provincia: e da ciò deduco che
fosse a pilastri e non a colonne.

Nemmeno la regola, quasi generale, che prescriveva la nave centrale alta e larga il
doppio delle laterali, fu più osservata. Poiché, mentre la prima è larga m. 5.75, cioè più

Fig. 2 — Volticine delle navate laterali. - (Fot. F. Frediani)

del doppio delle laterali, che sono di m. 2.40, viceversa è solamente m. 2.50 più alta delle
altre. 1 E ciò non deve essere avvenuto senza motivo : voglio dire per risparmiare gli archi
di sostegno destinati a trasportare al di fuori dell’edificio la spinta delle volte interne ad
arco acuto compresso. Irregolari pure sono le campate delle volte a crociera, specialmente
quelle della navata lateralp, ove da un massimo di m. 2.30 X 2-4° si va a(^ un minimo di
m. 2 X 2.40.

Ma dai residui dell’antica costruzione si può conoscere che la chiesa fosse lunga m. 21
e larga m. 13.15, un poco più spaziosa, cioè, di quanto apparisce dal resoconto della sacra
visita del 19 giugno 1636. 2

La navata centrale, di tre quadrati e mezzo e dell’abside semicircolare, era coperta
da uno strato di coccio pesto, spesso m. 0.05, formante tetto a due falde, le quali seguendo

Le navate laterali erano alte m. 8.45.

2 Cfr. la n. 9.
loading ...