Bullettino di archeologia cristiana — 2.Ser.2.1871

Page: 67
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bacr1871/0068
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
D! ARCHEOLOGIA CRISTIANA

fi 7

presero parte le truppe accampate nelle regioni danubiane. Ciò
che m' accingo a spiegare accresce la probabilità, che cotesto
anatèma sacro abbia tentato la rapacità soldatesca.

Imperocché il dono votivo non è già il monogramma di
bronzo pendente dalla tabella. Dalla parte inferiore del cerchio,
che cinge la sigla del nome di Cristo, sporge un orecchio tra-
forato, cui fu certamente appiccato un altro oggetto pendente.
Se vogliamo intendere di quale specie fu cotesto oggetto , ri-
chiamiamo alla memoria le tante lucerne preziose donate alle
chiese e le gabate d'oro e d'argento e gemmate, cioè dischi e
piatti concavi , pendenti da catene. Coteste gabate furono tal-
volta appellate signum Christi ed anche in greco <7r/v6^pc7zcv,
perchè foggiate a monogramma di Cristo o dal monogramma
pendenti T. Gregorio IV offri alla basilica di s. Maria in Tra-
stevere tre gabate d' oro purissimo: dal signum Christi pende-
vano gemme, ciondoli e tre catenelle; sopra o sotto era scritto:
DE DONIS DEI ET SANCTAE MAEIAE DOMNVS GBEGO-
B1VS PP TITI QVI PVEO CORDE OBTVLIT III GABATAS
SAXISCAS ". Date queste notizie , è facile immaginare quale
fu l'uso delle due tabelle votive sospese a catene trovate una
in Transilvania, l'altra teste in Boma.

Nella tavola V n. 2 ho fatto delineare un monogramma di
bronzo traforato a giorno, che fu tutto gemmato, ed ora delle
gemme si veggono soltanto le incastonature. Il mio disegno è
all'undecima parte del vero; e così fu pubblicato anche dal Moz-

i V. Du Cango, Gloss. inf. latin, v. Gabata e Signum Christi; Gloss.
med. graecit. v. Siyvoxp""ov : Descriplio s. Sophiae n. 48: Vignoli, Lib.
poni. T. Ili p. 23.

Lib. poni, in Gregorio IV §. XXVI, ed. Vignoli, 1. c. Nei codici
del libro pontificale si legge Domni Gregorii, ma il testo dell' epigrafe
esige il nominativo, che io ho restituito. Sulle gabate saxische si disputa
se sieno state così appellate perchè fatte da artefici sassoni o per altra
ragione ed etimologia (vedi Pontanini, Discus argenteus votivus veì. Christ.
p. 6 e segg.).
loading ...