Della Porta, Giambattista ; Ingegneri, Giovanni [Editor]
Della Fisonomia Dell'Hvomo Dell Signor Gio. Battista Dalla Porta Napolitano. Libri Sei: Tradotti di Latino in volgare, e dall'istesso Auttore accresciuti di figure, & di passi necessarij à diuerse parti dell'opera: Et hora in quest'vltima Editione migliorati in più di mille luoghi, che nella stampa di Napoli si leggeuano scorettisimi, & aggiontaui la Fisonomia Naturale di Monsignor Giouanni Ingegneri — Vicenza, 1615 [Cicognara, 2459]

Page: j
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/dellaporta1615/0010
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile

V? vecchia, & ben scelta Tentenna d'alcum più grandi s
& illurtri nella Filosofia, che ninno fra gli animali è più
amico, e desioso della compagnia, che i’huomo. La
onde hauendo egli a viuer con gli altri è mertier s’eleg-
ga in amicitia i buoni, e non i rei. E se vuol far quella
elettionper conoscereà pocoà poco quali sieno i loro
cortumi, certamente bisognerà, che gli accada vna di
quelle due cose, ò che egli più torto sinisca la vita, che sinisca di conoscere i
più secreti cortami dell’amico, bisognandoui à quello molto tempo, ouer®
fidandoli al primo molte volte rerti ingannato^ venghi ad imparare alle sue
Ipese, per trouarsi in così gran numero persone, che con la loro amicitia ti
ponno far più danno, che l’inimicitia di molti Principi, e potenti. L’animo
fiumano, dice Cicerone, è cosi muolto negli oscurisilmi veli, e così nascosto
solto la tenebrosa caligine della simulatione, che quando stimi gli occhi, la
sronte, e tutto il sembiante ti manifestino la verità, & il parlar più di tutti,
all’kor mentiscona più che mai. Si scorge taluolta sotto sembianza di huo-
mo benigno, come afferma Seneca, come animo di fera, anzi più fiero delle
più fiere fere. Per quello desiderò sommamente Socrate, accioche giamai
non s’haueise ad ingannar huomo, che fulse vna senestra nel petto : che co-
sì non potrebbe fìar nascorto vncuor doppio, ma a ciascun fulse lecito sco-
prir le volontà , i pensieri, le verità, e le bugie. A quello cost gran male-»
à così giallo dello di Socrate, ecco sodisfà à pieno la Fifonomia, da psù
pregiati intelletti , e da più ledati scrittori, ricercata, lodata, trattata,
■ temain somnaa^eneratiosie » Quella dunque da’segni, che da lungi si
feyo-
loading ...