Della Porta, Giambattista ; Ingegneri, Giovanni [Editor]
Della Fisonomia Dell'Hvomo Dell Signor Gio. Battista Dalla Porta Napolitano. Libri Sei: Tradotti di Latino in volgare, e dall'istesso Auttore accresciuti di figure, & di passi necessarij à diuerse parti dell'opera: Et hora in quest'vltima Editione migliorati in più di mille luoghi, che nella stampa di Napoli si leggeuano scorettisimi, & aggiontaui la Fisonomia Naturale di Monsignor Giouanni Ingegneri — Vicenza, 1615 [Cicognara, 2459]

Page: 207v
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/dellaporta1615/0426
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile

DELLA FISONOMIA

DELL'HVOMO
DI GIO. BATTISTA DELLA PORTA
NAPOLITANO.
Libro Serto.
PROEMIO.
là ne5 libri passuti s’è abondeuolmentedimoslrato, come
da segni del corpo si pollino i cofiumi riposti ne’ più sé-
gréti luoghi dell’animo inuestigare veramente cosa as-
sai degna, & ammirabile, resta che in quesìo vltimo li-
bro si tratti di cosa più mirabilisiìma, e degmisima di
quella ; nuoua, e degna d’eller amatale desiderata, cioè
che conosciuti i tuoi, ògli altrui viti), podi leuarli via,
« scancellarli del tutto. A che dunque ci gioueria quella arte, se conosciuti
,i tuoi defetti, non potè siì quegli conuertirgliin virtudi? Maciònoncon
pensieri, imaginationi, ò persuasioni di morali Filo soli, che per lo più vane
rieseono, ma con purgationi, locali rimedi;, e naturai virtù di herbe, pietre,
& animali,& occulte propnetadi. Pitagora, & Platone tentaro di far que-
llo,ma se l’habbino trattato non è predo noi scrittore che lo racconti. Ga-
leno confessa saperlo,& dicceslerposiibile, ma non mani fedo la ragione.
Percioche l’habitodeiranima poterli mutar con diligentiadiceesser cosa-»
chiara, con cibi, con bere, & con esserati j mutar il temperamento in me-
glio , in bono temperamento giouare alle virtudi. Così corromperli li
co siumi dalla cattiua vsanza, dal cibo dal bere : & dall’essercitio, perche l'i-
ra,il pianto, la raeslitia, souerchio pensiero, e le vigihe,porgono gran cagio-
ni all’infermarsi. 11 moderato essercitio gioua al calore, & il caler del cop-
pole sara souerchio,rende l’huomo bilioso, ò colerico,se men delgiullo,pi-
tuitoso, e freddo. E nel libro,che i cosìumi seguano il temperamento del
corpo; far quesii modcslo, quesli a udace,q nello catti-uo, così queil’altr.o tem
perato,audace,timido,masisùeto,piaceuoie,litigiose di dura cerulee,e chi
loading ...