Tasso, Torquato
La Gerusalemme liberata — Venedig, 1745

Page: 23
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/fwhb/tasso1745/0029
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
ALLEGORIA
DEL POEMA.
Eroica Poesia, quali Animale, in cui due na-
ture si congiungono, d'Imitazione, e Allegoria
è comporta con quella alletta a se gli animi ,
e gli orecchi degli uomini , e maravigliosamen-
te li diletta : con quella nella Virtù , o nella
Scienza, o nell'una, e nell' altra gli ammaestra:
e siccome l'Epica imitazione altro giammai non
è che somiglianza , e immagine d'azione uma-
na; così suole l'Allegoria degli Epici dell'umana vita eterei figura. Ma
l'Imitazione riguarda le azioni dell'uomo, che sono a'sen li citeriori sot-
toposte, e intorno ad esse principalmente affaticandoli, cerca di rappre-
sentarle con le parole efficaci, ed esprelsive , e atte a por chiaramente
dinanzi agli occhi corporali le cose rappresentate ; nò considerà i costumi,
o gli affetti, o i diseorsi dell'animo, in quanto elsi sono intrinseci; ma sel-
lamente in quanto fuori se n'eseono, e nel parlare, e negli atti, e nelle
opere manifestandosi, accompagnano l'azione. L'Allegoria all'incontro
rimira le palsioni, e le opinioni, e i costumi, non solo in quanto elsi ap-
paiono, ma principalmente nel loro essère intrinseco, e più oseuramente
le significa con note ( per così dire ) misteriose , e che solo dai cono-
seitori della natura delle cose possono edere a pieno comprese. Ora la-
seiando l'Imitazione da parte, dell Allegoria, eh' è nostro proposito,
ragionerò. Ella, siccome è doppia la vita degli uomini ; così or dell'
una, or dell' altra ci suole elsere figura: perocché ordinariamente per
uomo intendiamo quello comporto di corpo, e d'anima, e di mente:
ed allora vita umana lì dice quella , che di tal comporto è propria ,
nelle operazioni della quale ciaseuna parte di elso concorre , ed ope-
rando, quella perfezione acquista, della quale per sua natura è capace.
Alcuna volta, benché più di rado, per uomo s'intende, non il com-
porto, ma la nobililsima parte di elso , cioè la mente : c secondo quert'
ultimo significato si dirà, che il vivere dell' uomo sia il contemplare , e
l'operare semplicemente con l'intelletto comecché quella vita molto
paja partecipare della Divinità, e quasi trasumanandosi, Angelica dive-
nire. Or della vita dell'uomo contemplante è figura la Commedia di
Dante , e l'Odilsea quasi in ogni sua parte : ma la vita civile in tutta
l'Iliade si vede adombrata, e nell'Eneide ancora, benché in quella lì
loading ...