Serradifalco, Domenico LoFaso Pietrasanta di
Le antichità della Sicilia (Band 5): Antichità di Catana — Palermo, 1842

Page: 3
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/serradifalco1842bd5/0006
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
2.

PARTE PRIMA

STORIA DI CATANA

G.

li scarsi e poco rilevanti fatti che di Catana si rammentano
nell' antica età, e la piccola parte che il suo popolo prese alle grandi
vicende dell' isola, non danno di vero alla primitiva istoria di lei gra-
vissimo interesse. Noi pertanto seguitando il disegno dell'opera nostra,
andremo spigolando nelle antiche memorie quelle cose che per avven-
tura si offriranno di rilievo maggiore, e dalle quali comporremo come
in abbozzo, la storia antica di una città oggi sì grande e sì magnifica.
Accennato di volo come Teocle nell' an. i° dell' Olimp. XI, mo-
vendo dall'Eubea con una colonia di Calcidesi, fabbricò Nasso nel
lato orientale dell'isola, diremo che sei anni dopo, intendendo ad
estendere il suo dominio sulle terre vicine, cacciò i Sicoli da Leon-
tino e da Catana, ove i novelli abitatori prescelsero a capo un Evar-
co (i). Jl nome di Catana frattanto par greco evidentemente (2). Non
però sapremmo convenire con 1' Epitomatore di Stefano , il quale
loading ...