Serradifalco, Domenico LoFaso Pietrasanta di
Le antichità della Sicilia (Band 5): Antichità di Catana — Palermo, 1842

Page: 11
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/serradifalco1842bd5/0014
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
PARTE SECONDA

MONUMENTI DI CATANA

v^/uasi di mezzo alla costa orientale della Sicilia, ove le falde del-
l'Etna bagnate dall' Amenano (i) lambiscono il mare, sorgeva l'antica
Catana, né sito diverso occupava della moderna; che tanta fu la
carità de' cittadini per la terra abitala da' loro maggiori, tanta Pu-
bertà delle vicine campagne, e tanta l'opportunità del sito, da non
bastare le cocenti lave dell' Etna sotto le quali restò più volte arsa
e sepolta (2), né i tremuoti che da capo a fondo la conquassarono,
perchè si spegnesse ne' loro cuori l'ingenito affetto pel loco natio.
Ond'è che sotto il suolo della moderna città ci è duopo ricercare
gli avanzi dell'antica magnificenza di Catana greca, o meglio forse,
romana; noto essendo che a' tempi di Augusto ella era in sì umile
condizione venuta, che a far non si spegnesse del tutto, fu me-
stieri a quel Cesare ripopolarla di una colonia romana (3).

Essendo nostro ufficio lo esporne e chiarirne i superstiti monu-
menti, ragioneremo prima d'ogn'altro del teatro, che per l'ampiezza,
e per la dovizia de' marmi ond' era fornito , è da riguardare sic-
come un monumento di altissimo pregio.
loading ...